Ammonta a 2,8 milioni di euro la multa ricevuta da Easyjet dal Garante alla Concorrennza per pratiche commerciali scorrette nella gestione di voucher rimborsi durante la prima fase della pandemia da covid-19.
Per l’Antitrust easyJet, venute meno le restrizioni alla circolazione, “ha tenuto una condotta non rispondente al canone di diligenza professionale atteso, quando ha proceduto a numerosissime cancellazioni di voli programmati e offerti in vendita rilasciando ai consumatori voucher invece di procedere al rimborso del prezzo pagato per i biglietti annullati, fornendo informazioni ingannevoli e/o omissive riguardo ai diritti loro spettanti a seguito della cancellazione ed ostacolando quei i consumatori che hanno inteso esercitare tali diritti, ponendo in essere una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del Consumo”.

Le condotte esaminate, secondo l’Antitrust, “appaiono configurare una pratica scorretta” in occasione della quale easyJet “ha sfruttato indebitamente la giustificazione relativa all’emergenza epidemiologica, per limitare i diritti dei consumatori, i quali avrebbero dovuto essere adeguatamente informati ed assistiti e prontamente rimborsati in caso di cancellazione del volo”.

easyJet in una nota risponde di essere fermamente convinta di “aver sempre operato in maniera corretta e nel pieno rispetto delle leggi di volta in volta vigenti, pur con le difficoltà di un quadro normativo in continua evoluzione. La compagnia è in netto disaccordo con le conclusioni raggiunte dall’Autorità, ritenendo il provvedimento dell’AGCM del tutto infondato: per tali ragioni, easyJet presenterà ricorso contro questo provvedimento”
Durante la pandemia, spiega easyJet, la compagnia ha continuato ad apportare miglioramenti alle sue politiche per i clienti, velocizzando le procedure di rimborso dei biglietti e migliorando i servizi alla clientela, oltre ad offrire ai passeggeri la maggiore flessibilità di sempre tramite la “Garanzia Flex”. Come parte del piano ‘Garanzia Flex’ tutti i passeggeri hanno la possibilità di cambiare i loro voli senza una penale per il cambio, in qualsiasi momento fino a due ore prima della partenza, nonché di ricevere un rimborso qualora il volo sia interessato da restrizioni governative.

Condividi: