I corridoi turistici non sono la soluzione alla ripresa del turismo outgoing. In una stampa il presidente di FTO, Franco Gattinoni spiega: “Accogliamo le dichiarazioni del ministro Garavaglia con favore, ma l’apertura a qualche destinazione esotica non può bastare. Lo abbiamo detto: il green pass e un tampone 48 ore prima del rientro sono la soluzione per riattivare tutti i viaggi extra Ue/Schengen e dare respiro al comparto italiano dei tour operator e delle agenzie di viaggi che ad oggi perde oltre l’80% del fatturato rispetto al 2019”.
“Stop a norme inspiegabili che ci penalizzano rispetto ai competitor europei. Il nostro turismo organizzato – conclude Gattinoni – è pronto ad affrontare le sfide di un nuovo scenario, in cui gli italiani saranno sempre più attenti alla sicurezza, alla qualità e alla sostenibilità del loro modo di viaggiare”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *