Hilton ha stretto una collaborazione con l’impresa sociale South Pole per compensare la carbon footprint di riunioni ed eventi in circa 60 hotel in Europa, Medio Oriente e Africa senza costi aggiuntivi per il cliente.
Lanciata nei mesi scorsi nei Paesi Bassi, l’offerta è stata estesa a più hotel, tra cui in Italia l’Hilton Milan e il Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel, con l’obiettivo di svilupparla ulteriormente nei prossimi mesi. L’iniziativa va ad aggiungersi al già forte impegno del Gruppo a fornire soluzioni a basso impatto ambientale che limitino i rifiuti e aumentino l’attenzione sulle fonti locali, a sostegno del programma Travel with Purpose 2030 di Hilton, che si pone l’obiettivo di dimezzare la sua carbon footprint e raddoppiare il suo impatto sociale entro il 2030.
Tanya Clifford, vice president di Hilton Worldwide Sales EMEA, ha dichiarato: “Sappiamo che i nostri clienti che organizzano meeting ed eventi condividono la nostra passione per la sostenibilità e, come noi, sono impegnati nel trovare modi per ridurre ulteriormente la loro impronta ambientale. L’offerta di riunioni a zero emissioni senza costi aggiuntivi è fantastica e rafforza l’impegno già molto forte per limitare l’impatto ambientale delle nostre attività e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Non vediamo l’ora di esplorare ulteriori opportunità di estensione del programma nei mesi a venire”.

L’impronta dei meeting con dieci o più delegati negli hotel che partecipano al programma sarà compensata attraverso crediti di carbonio. I crediti saranno assegnati a una serie di progetti che sostengono gli obiettivi di Travel with Purpose 2030 di Hilton, tra cui la riparazione e la manutenzione di pozzi in Ruanda per aumentare l’accesso a fonti di acqua sicura, la costruzione di una centrale geotermica in Turchia per generare energia pulita e senza emissioni e lo sviluppo e la manutenzione di parchi eolici in India e negli Stati Uniti.

Hilton utilizzerà LightStay, sistema di gestione delle performance di corporate responsibility, per stimare il consumo di energia, acqua, carbonio e rifiuti di ogni riunione. Lo strumento Meeting Impact Calculator di LightStay dà ai clienti l’opportunità di vedere stimata la carbon footprint del loro evento, utilizzando i dati specifici di ogni hotel. Oltre alle misure messe in atto per diminuire i rifiuti e il consumo di energia degli eventi aziendali, i crediti di carbonio saranno acquistati da South Pole per compensare qualsiasi altro impatto ambientale residuo.

Michael Malara, senior business development manager, South Pole ha detto: “Tutti hanno un ruolo nel contribuire ad arrestare il cambiamento climatico – prima di tutto riducendo il più possibile le emissioni di carbonio, l’uso dell’acqua, i rifiuti e la produzione di energia. Siamo lieti di collaborare con Hilton e i suoi clienti, affiancandoli nel loro impegno ad affrontare la crisi climatica. Attraverso questa iniziativa, Hilton contribuirà a finanziare alcuni dei progetti di sostenibilità più all’avanguardia del mondo, oltre a ridurre il proprio impatto ambientale e quello dei suoi clienti. Non vediamo l’ora di lavorare con loro a stretto contatto alla guida di un cambiamento positivo”.

Sapendo che le aziende continueranno per qualche tempo a scegliere di combinare riunioni in presenza e partecipazione virtuale, soprattutto a fronte del fatto che le restrizioni nazionali anti Covid continuano a cambiare, Hilton ha recentemente lanciato Hilton EventReady Hybrid Solutions. Il nuovo prodotto permette alle aziende di ospitare riunioni ibride senza soluzione di continuità, attraverso più siti se scelgono di farlo. In linea con Hilton EventReady with CleanStay, oltre a tener conto della necessità di aumentare le misure di igiene e pulizia, il programma è stato sviluppato tenendo sempre presente gli obiettivi di sostenibilità.

Condividi: