W Hotels Worldwide, parte del portfolio globale di 31 brand di Marriott Bonvoy, ha annunciato il debutto di W Budapest, prima apertura del brand in Ungheria. Situato nello storico Palazzo Drechsler, in precedenza sede dell’Accademia di Danza cittadina, W Budapest è destinato a diventare il cuore pulsante della città grazie ad un design visionario, una proposta gastronomica innovativa ed uno spirito che incarna la capitale cosmopolita.
Situato in Andrássy Avenue, la via dello shopping più chic della città e patrimonio mondiale UNESCO, W Budapest dispone di 151 eleganti camere e suite e di tre innovativi ristoranti e bar, che riflettono la storia e la creatività di Budapest. Dopo l’apertura di W Rome a dicembre 2021, anche W Budapest segue il nuovo corso del brand W Hotels, proponendo un design innovativo e giocoso, perfetto per creare un legame tra i viaggiatori e la destinazione.
“Il debutto di W Hotels a Budapest segna l’inizio di una nuova era all’insegna del design per il nostro brand”, spiega George Fleck, Vice Presidente e Global Brand Leader di W Hotels. “Siamo impazienti di far entrare in contatto i nostri ospiti con l’essenza di questa città senza tempo attraverso aspetti unici quali il design, la ristorazione e le interazioni sociali”.

Design audace, intrigante e di ispirazione locale

Palazzo Drechsler è stato accuratamente restaurato e reinterpretato dagli interior designer Bowler James Brindley (Londra) e Bánáti + Hartvig (Ungheria), che si sono ispirati alla ricca storia e alle molteplici identità dell’edificio: in passato è stato un bar, un luogo di aggregazione e sede della Accademia del Balletto di Stato Ungherese. Il progetto dell’hotel unisce idealmente i due lati della città, Buda e Pest, utilizzando un design che gioca con le contrapposizioni tra i materiali: dalla morbida stratificazione, all’uso di maglie metalliche per creare prospettive e contrasti negli spazi comuni e nelle camere dell’hotel, questo concetto di design crea spazi che rivelano nuove profondità.

L’estetica architettonica di ispirazione rinascimentale francese è stata modernizzata con una palette di colori verde, corallo e blu intenso, abbinati a un tocco contemporaneo di piastrelle Zsolnay, elementi in vetro colorato e installazioni luminose ispirate a gioielli. La vivace ed eclettica scena culturale ungherese, con elementi di spicco quali l’amore per gli scacchi e il profondo legame con il balletto, si ritrova anche nel design del nuovo hotel. I richiami ad entrambe le discipline si esprimono con lampade a forma di scacchi e pavimenti in marmo monocromatico, tinte rosa tenue, linee curve e installazioni luminose ispirate alla fluidità della danza. Alcuni dei personaggi ungheresi più famosi, come Harry Houdini e Zsa Zsa Gabor, hanno contribuito a formare una visione creativa per il concept degli interni, che è esemplificata dall’uso di specchi per creare illusioni ottiche e tocchi nostalgici di glamour hollywoodiano. Queste caratteristiche sono presenti in tutte le 151 camere dell’hotel, tra cui 45 suite. Lo stile unico del quinto piano, incentrato sul legno, rispecchia il design originale del tetto del Palazzo che è stato restaurato, mentre il legame dell’hotel con il balletto si riflette nella Extreme WOW suite, completamente nera, e nella WOW suite, completamente bianca, in omaggio al famoso balletto Il lago dei cigni.

W Budapest apre con tre concept culinari innovativi, nati per stimolare la curiosità degli ospiti e favorire le connessioni tra viaggatori e locali. Guidato dal ristoratore di fama mondiale Riccardo Giraudi, il ristorante Nightingale by Beefbar è il punto di riferimento gastronomico dell’hotel. Il ristorante nasce sotto l’egida del famoso brand Beefbar e propone un menu studiato per offrire un’introduzione alla cucina asiatica fuori dagli schemi, abbinando i sapori più freschi della tradizione orientale con specialità di carne selezionatissime. A capo della cucina di Nightingale by Beefbar c’è Fabio Polidori, che ha elaborato un menù improntato alla socialità, con piccoli piatti ideali da condividere tra amici.

Oltre al Nightingale by Beefbar, Society25 è l’esclusivo speakeasy dell’hotel situato nel seminterrato, ispirato alle conversazioni che si tenevano qui in gran segreto in passato. Otto i cocktail proposti, che rendono omaggio alle epoche, alle persone e agli edifici che hanno fatto la storia della città, ognuno dei quali include un ingrediente misterioso, scelto con cura dal capo barman Stefano Ripiccini. La collezione di cocktail comprende The Illusionist, che prende il nome dal grande Houdini, Brew Bop, che fa riferimento all’età d’oro del caffè di Budapest e Geranium, ispirato allo stesso Palazzo Drechsler.

Situato al piano terra, in perfetta armonia con il ristorante Nightingale, W Lounge è l’epicentro sociale dell’hotel. Dalle riunioni d’affari ai pranzi fino al divertimento serale, W Lounge propone piatti da condividere e cocktail d’autore sullo sfondo di elettrizzanti performance di DJ al calar del sole. Il nuovo hotel vanta anche spazi per riunioni ed eventi, tra cui la Great Room, ideale per grandi celebrazioni, e due Studio Room per meeting di lavoro e piccole riunioni.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *