La voce che vorrebbe Flavio Briatore vicino alla nomina alla presidenza di Enit da parte del ministro del turismo (e socia in affari) Daniela Santanchè trova un endorsement insospettabile: è l’attuale CEO dell’ente di promozione del turismo italiano, Ivana Jelinic, a caldeggiare la nomina dal palco di Obiettivo X, evento per operatori del turismo in programma in questi giorni in Sicilia, dove è stata intervistata dal direttore di TTG Italia, Remo Vangelista.

Enit è infatti in procinto di diventare una spa e uscire in parte dall’orbita pubblica. Per Jelinic “La figura di Briatore può piacere o non piacere, ma chi meglio di lui che ha guidato aziende ed è conosciuto a livello internazionale potrebbe gestire questa fase di transizione? Non so quanto la notizia abbia fondamento, ma io direi: Magari!”.

La notizia è stata data da Il Foglio, secondo cui nell’Enit del futuro potrebbero quindi convivere un CEO ( la Jelinic) e un presidente (Briatore) con deleghe diverse. Briatore diventerebbe nelle intenzioni un ambasciatore del made in Italy nel mondo. Sempre secondo il foglio, Briatore sta riflettendo sulla proposta e avrebbe incassato l’ok degli alleati di governo.

Ivana Jelinic nel corso dell’evento ha anche condiviso la strategia di Enit per la promozione del turismo: “La pandemia ci ha insegnato che dobbiamo lavorare su più mercati possibili per evitare che venendo a mancare un flusso importante il sistema Paese si trovi in difficoltà e fare in modo che gli operatori trovino le proprie nicchie, che a volte sono insospettabili: abbiamo ad esempio scoperto tramite le nostre attività di scouting che in Vietnam ci sono molti appassionati di golf, dove è uno sport molto più popolare che da noi e stiamo cercando di coinvolgere questa community con l’occasione della Ryder Cup. Questo è possibile grazie alle nostre 26 sedi all’estero che ci aiutano anche a declinare la campagna sulle sensibilità culturali locali: è un’attività molto più complessa rispetto a quella che può apparire a un’occhiata superficiale. Sappiamo quanto i grandi eventi hanno catalizzato attenzione sull’Italia e per questo stiamo lavorando per attrarne di nuovi, anche in ambito congressuale dove è forte la collaborazione con il Convention Bureau Italia”.

Autore

  • Domenico Palladino

    Domenico Palladino è editore, consulente marketing e formatore nei settori del travel, della ristorazione e degli eventi. Dal 2019 è direttore editoriale di qualitytravel.it, web magazine trade della travel & event industry. Gestisce inoltre i progetti editoriali di extralberghiero.it, dedicato agli operatori degli affitti brevi e cicloturismo360.it, per gli amanti del turismo su due ruote. Ha pubblicato per Hoepli il manuale "Digital Marketing Extra Alberghiero". Laureato in economia aziendale in Bocconi, indirizzo web marketing, giornalista dal 2001, ha oltre 15 anni di esperienza nel travel. Dal 2009 al 2015 è stato web project manager del magazine TTG Italia e delle fiere del gruppo. Dal 2015 al 2019 è stato direttore editoriale di webitmag.it, online magazine di Fiera Milano Media dedicato a turismo e tecnologia.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *