Dopo tre anni di chiusura la Cina riapre al turismo: il Ministero cinese della Cultura e del Turismo ha diffuso nei giorni scorsi una nota per cui a partire dal 15 marzo 2023 riprendono in via sperimentale i viaggi di gruppo dei cittadini cinesi nei paesi stranieri e i relativi servizi “biglietto aereo + hotel” offerti dalle agenzie di viaggio e dalle imprese turistiche online dell’intero Paese. I viaggi saranno permessi verso 40 Paesi tra cui l’Italia. Una notizia molto attesa che ha messo subito al lavoro gli operatori del settore, anche perché in questo primo elenco mancano Paesi come gli USA, la Corea e il Giappone, una circostanza che potrebbe favorire il turismo proprio verso il nostro paese. La notizia inoltre non è a senso unico: la Cina torna anche a rilasciare visti turistici verso lo stesso elenco di Paesi e torna ad accogliere i turisti nelle zone in cui il visto non era necessario già prima dalla pandemia. Ovviamente, se ci sono aerei che arrivano in Italia pieni, c’è la necessità che lo siano anche al rientro e per questo anche gli operatori outgoing italiani sono pronti a ripartire.

Mistral Tour Internazionale, ad esempio, ha subito annunciato la ripresa dell’operatività sulla destinazione. Una ripartenza facilitata dalla presenza del personale e delle guide in esclusiva parlanti italiano, formate nel corso degli ultimi 15 anni.  La programmazione dei viaggi individuali e di gruppo 2023 sarà disponibile dalla prossima settimana nel sito web e in una apposita landing page. “Era una notizia che attendavamo da tempo: la Cina ha finalmente riaperto al turismo. Ma  la sorpresa più grande sarà tornare a viaggiare in Cina e lasciarsi sorprendere dall’evoluzione che ha avuto il paese in questi anni. La Cina si è evoluta, soprattutto tecnologicamente, e sono certo che questo cambiamento avrà contribuito ad accrescerne il fascino inserendosi e convivendo perfettamente con la sua storia millenaria. Tutti i servizi ricettivi e di trasporto sono pienamente operativi dato che il turismo interno ha continuato ad operare nel corso di questi ultimi due anni e noi abbiamo sostenuto i nostri uffici locali nella lunga attesa di questa riapertura dei confini al turismo.”, ha detto Michele Serra, Presidente Quality Group e fondatore di Mistral Tour.
Per viaggiare in Cina oggi è richiesto il visto, un test molecolare negativo a 48 ore e la compilazione della dichiarazione doganale all’indirizzo https://htdecl.chinaport.gov.cn/htdeclweb/home/pages/healthDeclare/declare.html

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *