L’agente di viaggio è stato dato per “spacciato” diverse volte. Prima con l’avanzamento di Internet e la vasta quantità di informazioni presenti online, poi con l’arrivo dei social media con le loro dinamiche ed infine, durante il periodo della pandemia, quando tanti agenti e consulenti di viaggi hanno dovuto trovare modi alternativi per sopravvivere ad un mercato completamente fermo.

Alcuni affermano che la personalizzazione del viaggio è al centro del passaggio da agente a consulente di viaggi ma, dalla mia esperienza, posso dire che si notano sempre meno differenze, le due figure sono molto simili tra di loro.

Il settore ha saputo adattarsi, anche se più lentamente rispetto alle novità introdotte, e ora è pronto ad “affrontare” la nuova sfida dell’intelligenza artificiale, anche se risulta essere ancora un ambiente poco esplorato dalle agenzie di viaggi.

In questo contesto di cambiamenti rapidi, l’adozione dell’intelligenza artificiale sta riscrivendo le regole del gioco nel settore del marketing turistico, offrendo nuovi modi per connettersi con i viaggiatori.

Questa nuova tecnologia rappresenta una minaccia? Direi proprio di no. Ma vi aspetto nei commenti, se vi va di condividere la vostra opinione in merito.

Al momento l’intelligenza artificiale non è in grado di sostituire il vero ruolo dell’agente di viaggio che, oltre ad organizzare la prossima vacanza, riesce ad entrare in sintonia con il viaggiatore, comunicando su un livello superiore. Per intenderci, solo un agente di viaggi potrà chiedere: “cosa significa per te questo viaggio?” e organizzare la vacanza in base a queste informazioni.

Ma in che modo si può utilizzare l’intelligenza artificiale a proprio vantaggio? Vediamo insieme alcune delle implementazioni più immediate di questa nuova tecnologia per le agenzie di viaggio.

Creazione di contenuti

Le agenzie di viaggi fanno fatica a creare contenuti coinvolgenti per i propri canali online, come social media, blog, newsletter, per mancanza di tempo o di risorse dedicate a queste attività.

Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale è possibile ridurre fino al 70% il tempo necessario per la creazione di contenuti.

Strumenti come ChatGPT, Copy.ai, Jasper e altri sono in grado di generare testi creativi e accattivanti e sono diventati alleati essenziali nella creazione di contenuti per le agenzie di viaggi.

Inoltre, grazie alla loro capacità di sintetizzare informazioni sulle destinazioni, consigli di viaggio e di creazione di itinerari dettagliati, partendo da semplici idee, saranno un reale aiuto per sviluppare ebook, documenti di viaggio, brochure, cataloghi e molto altro ancora.

Integrare l’intelligenza artificiale nella creazione di contenuti porterà ad una notevole riduzione dei costi relativi all’esternalizzazione di queste attività.

Generazione di nuove idee

Immaginate di avere la possibilità di consultarvi con un massimo esperto in grado di consigliarvi la migliore strategia di mercato per incrementare il vostro fatturato di vendita di viaggi. L’intelligenza artificiale può fare questo per la vostra agenzia di viaggi.
L’IA offre una prospettiva fresca e diversificata, suggerendo angolazioni e approcci che potrebbero non essere stati considerati in precedenza.

Assistenza clienti personalizzata

L’assistenza clienti è uno dei punti chiave dell’attività di un’agenzia di viaggi. Si tratta di uno dei motivi principali per i quali un viaggiatore sceglie di non organizzare da solo la sua prossima vacanza.

Attraverso strumenti che hanno implementato l’intelligenza artificiale, sarete in grado di fornire assistenza ai clienti 24/7. Questa caratteristica trasforma radicalmente l’esperienza del cliente, consentendo di ottenere risposte istantanee alle domande più frequenti e anche di essere guidati attraverso il processo di prenotazione, senza attese.

Non si tratta solo dei classici ChatBot, già molto utilizzati nel settore turistico, ma ora è possibile creare assistenti virtuali generati in video, in grado di interagire con i clienti, anche in lingue diverse.
L’IA permetterà di liberate tempo, evitando di rispondere più volte nella giornata alle stesse domande e di concentrarsi su interazioni dirette con i clienti, più approfondite e personalizzate.

Personalizzazione delle offerte

Viaggiare è diventato sempre più caro e le agenzie di viaggi “combattono” ogni giorno per offrire il miglior rapporto qualità/prezzo ai loro clienti.

L’intelligenza artificiale utilizza algoritmi di apprendimento automatico ed è in grado, per esempio, di prevedere l’andamento dei prezzi delle compagnie aeree, per definire il miglior periodo per acquistare un volo o anticipare variazioni climatiche importanti, per ridefinire i periodi migliori per viaggiare in ogni destinazione.

Inoltre, raccogliendo dati attraverso l’interazione con i visitatori, l’IA consente alle agenzie di creare offerte su misura, basate sulle preferenze e gli interessi dei clienti.

Aggiunta di servizi

Un cliente ha acquistato un pacchetto vacanza direttamente sul sito dell’agenzia? Puoi utilizzare l’intelligenza artificiale implementata sul sito per suggerire piccole aggiunte come escursioni, upgrade della camera, l’assicurazione di viaggio, aumentando così il guadagno.

L’intelligenza artificiale è una nuova tecnologia che sta evolvendo molto rapidamente. Confrontandomi ogni giorno con agenti e consulenti di viaggio so che la mancanza di tempo impedisce a molti di loro l’approfondimento di queste novità.
Il mio consiglio è di iniziare ad avvicinarsi gradualmente a queste tecnologie e sperimentare, per non restare indietro e non perdere l’opportunità di migliorare i propri servizi, la qualità del lavoro giornaliero in agenzia e di conseguenza la soddisfazione dei clienti che si affidano a voi.

Autore

  • Roxana Ilie

    Roxana Ilie è Digital Strategist e formatrice, fondatrice di Professione Travel Agent. Dal 2018 aiuta agenti e consulenti di viaggi a mettere in pratica le giuste strategie per promuoversi online e offline, per vendere più viaggi. Puoi seguirla sul suo account Instagram @professionetravelagent

Condividi:
Un pensiero su “Intelligenza artificiale: una minaccia per le agenzie di viaggi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *