Al Mico di Milano c’è ottimismo per la ripartenza del mercato MICE: il centro congressi meneghino sta concludendo un buon 2022 a livello congressuale con 85 eventi realizzati e altri 15 ancora in opzione da qui alla fine dell’anno che, se confermati, porterebbero il totale a una media di due manifestazioni a settimana nel corso dell’anno. Gli eventi tenuti fino a oggi hanno generato 100mila presenze di cui la metá internazionali e almeno altre 50mila sono previste fino al 31 dicembre. A trainare la ripresa del Mico in particolare 4 eventi che hanno superato le aspettative dei partecipanti: ESHRE, World of coffee, Eadv, ESCRS, tutti sopra le 10mila presenze in città, con punte di 12mila. Per la fine dell’anno si aspettano inoltre ancora le 4000 presenze di EACTS e i 5000 partecipanti di Eurospine.

Nel 2023 il Mico punta a ripristinare i livelli pre-pandemia in quanto può già vantare opzione per 40 eventi da oltre 4000 persone di cui 25 confermati. Si stima per questo di tornare alle presenze pre-pandemia, tra 200 e 250mila nel corso dell’anno di cui la metá internazionali. I principali eventi dell’anno prossimo che Milano di è aggiudicata, tutti sopra le 8000 presenze nelle precedenti edizioni, saranno EAU, EULAR, ERA Congress e ERS.
Nelle prospettive fino al 2030 il Cento Congressi ha inoltre 40 eventi prenotati per il 2024 da più di 2000 persone, 25 candidature già vinte, tra cui IHC, il più grande congresso dell’orticoltura e IAC, l’International Austronautical Congress che è stato portato a Milano dopo un lavoro iniziato nel 2016 e la candidatura avanzata nel 2018. Sempre fino al 2030 altre 50 candidature sono ancora aperte.

Il Mico per garantire ancora più candidature e successi su eventi Mice sta lavorando per adeguarsi alle nuove richieste delle committenze, in particolare per quel che riguarda i criteri di sostenibilità, dove spesso sono richieste certificazioni specifiche sia alle location che agli alberghi e per quel che riguarda l’eredità da lasciare al territorio, motivo per cui sempre più eventi cercano di coinvolgere e sensibilizzare la popolazione locale su tematiche specifiche.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *