Saranno 11 milioni gli Italiani tra i 18 e i 74 anni in viaggio per il ponte dell’Immacolata, per un giro di affari stimabile in 4,4 miliardi di euro, considerata una spesa media pro-capite di 400 euro tutto compreso, che si indirizzeranno quasi esclusivamente in Italia. 

Quattro intervistati su 10 dichiarano che non si allontaneranno oltre i confini della propria Regione di residenza e addirittura 6 su 10 limiteranno a meno di 3 giorni il periodo della vacanza. La ricerca dell’atmosfera natalizia – quindi luci, suoni, shopping e mercatini di Natale – è in 3 casi su 10 il driver principale, l’esperienza alla base del progetto di viaggio. Da questo mix risultano quindi premiate – e in vetta alla classifica delle destinazioni nazionali – quelle che più evocano le atmosfere del periodo: come Trentino Alto Adige, Lombardia, Toscana, Lazio e Campania.

Per quell’11% di connazionali che invece si recheranno all’estero, facendo una vacanza presumibilmente di 5 o più giorni, la prima meta è la Francia – tipicamente Parigi – tallonata da Austria e Germania, dove il Natale è fortemente sentito, e a seguire dalla Spagna.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *