Inaugurata oggi al Palacongressi di Rimini la prima edizione del “Vivere di Turismo Festival”, evento annuale che mira ad essere la manifestazione di riferimento per gli operatori del turismo extralberghiero: pur essendo un debutto sono infatti oltre 1000 i biglietti venduti che corrispondono ad altrettanti operatori professionali del turismo accreditati. Il festival apre dunque le sue porte per due giorni intensi di formazione, scambio di idee e networking.

Il programma del festival integra momenti di spettacolo, musica e contest con un ricco palinsesto di formazione e possibilità di incontro con le principali realtà del settore extralberghiero. Sul palco del Palacongressi saliranno oltre 80 relatori di spicco, divisi tra la Main Hall e 5 sale tematiche: Digital, Impact, Operation, Property e Open Stage. Tra i relatori ci saranno rappresentanti delle principali aziende di settore come Airbnb, Booking, Expedia VRBO, Fairbnb ed Italianway, noti divulgatori online come il giornalista Rai Emilio Casalini, l’ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio e il travel influencer Andrea Petroni, associazioni di settore, fornitori di tecnologia e professionisti specializzati nella consulenza legale, fiscale e di marketing per l’extralberghiero.

Spiega l’ideatore del festival Danilo Beltrante, già fondatore della “Vivere di Turismo business school”: “Il “Vivere di Turismo Festival” è una piattaforma unica nel suo genere, progettata per favorire la crescita professionale degli operatori attraverso workshop, seminari e momenti di confronto diretto con esperti e leader di mercato. L’evento di quest’anno pone un accento particolare sull’importanza del turismo extralberghiero, una componente significativa dell’economia italiana.  Attraverso questo festival, vogliamo lanciare un messaggio chiaro: il turismo extralberghiero non deve essere confuso come parte di un’economia sommersa. Al contrario, è un settore composto da imprenditori seri e dedicati che generano valore aggiunto per l’intera nazione, promuovendo la cultura italiana e offrendo esperienze uniche ai viaggiatori da tutto il mondo. Il “Vivere di Turismo Festival” è più che un evento: è il luogo dove il futuro del turismo extralberghiero si sta scrivendo oggi”.

Il programma è fortemente incentrato sul fornire a chi lavora nel settore extralberghiero maggiori competenze e informazioni su come gestire la propria attività in maniera sempre più professionale. Turismo delle radici, valorizzazione dei borghi, turismo slow sono alcuni dei temi che saranno trattati da relatori che in prima persona sono impegnati a sviluppare un turismo sostenibile che parte dalle comunità. In questo senso “Vivere di Turismo” diventa una possibile finalità di chi lavora nel proprio territorio per accogliere e far scoprire le meraviglie dell’Italia con un modello di turismo che valorizza le piccole destinazioni, porta lavoro alle comunità locali, premia la sostenibilità e permette di scoprire la cultura e le tradizioni locali

Quest’anno, il festival si distingue per la qualità e la varietà delle sue proposte, garantendo che ogni partecipante, indipendentemente dal proprio ruolo nell’industria, possa trovare contenuti e opportunità di crescita personalizzati. Con il sostegno di importanti partner e sponsor, “Vivere di Turismo Festival” si conferma come un evento imperdibile per chiunque operi nel settore turistico extralberghiero.

“Tra le  sale tematiche che abbiamo ideato – prosegue Beltrante – sono particolarmente fiero della sala Impact, che racconterà l’impatto che progetti di eccellenza hanno avuto e stanno avendo sulla comunità locale: casi come quelli di Wonder Grottole o di Fairbnb, meritano di essere raccontati e credo che potranno ispirare chi verrà all’evento ad aderire o a realizzare nuovi progetti virtuosi”.

Il Vivere di Turismo festival include un’area espositiva dedicata con oltre 25 aziende che presenteranno le loro soluzioni e servizi innovativi per il settore extralberghiero. I partecipanti avranno l’opportunità di interagire direttamente con i fornitori e scoprire le ultime novità del settore. Nel corso dell’evento saranno anche assegnati i “Vivere di Turismo Awards”, pensato per gratificare coloro che si impegnano ogni giorno per offrire esperienze uniche ai propri ospiti, contribuendo allo sviluppo del territorio in cui operano, in armonia con le comunità. Il premio sarà assegnato in tre categorie: miglior host d’Italia, miglior gestore professionale d’Italia e miglior property manager d’Italia.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *