Secondo un recente dossier pubblicato da EUROCONTROL, solo tra il 1° marzo e il 9 aprile 2023 ci sono stati 34 giorni con scioperi dei controllori di volo in Francia (e, in minima parte, in Germania), che hanno impattato oltre 10 milioni di passeggeri, interessando circa 237.000 voli (più del doppio di quelli impattati nel giugno 2010 dalla eruzione del vulcano Eyjafjallajökull in Islanda).

In ognuno di questi 34 giorni di sciopero:

  • 64.000 passeggeri non hanno avuto la possibilità di viaggiare secondo i loro piani a causa delle cancellazioni.
  • Le compagnie aeree hanno sostenuto mediamente spese addizionali di 8M€ per le cancellazioni e 6M€ per i ritardi
  • Si sono bruciate 386 tonnellate aggiuntive di carburante e sono state emesse 1.200 tonnellate in più di CO2 a causa delle diversioni di rotta

E i disagi purtroppo non sono terminati, visto il perdurare delle azioni di sciopero. L’impatto degli scioperi è ovviamente rilevante in Francia, ma produce gravi effetti in tutto il continente europeo compromettendo il diritto alla mobilità dei cittadini. Per quanto riguarda l’Italia, ogni giorno di sciopero dei controllori di volo francesi ha fatto registrare una media di 24 cancellazioni di voli e 152 ritardi alla partenza. Non si può però restare indifferenti al fatto che la maggior parte dei voli impattati dagli scioperi francesi hanno riguardato voli che non erano diretti in Francia, ma si limitavano a sorvolarla.

In un contesto del genere, IBAR – come le sue consorelle negli altri Stati europei -, chiede che la Francia, in linea con quanto già accade in Italia e Spagna, adotti delle misure legislative a protezione dei sorvoli, includendo questi ultimi tra i servizi minimi essenziali.

“È necessario e urgente che anche in Francia si attui una politica a tutela della regolarità dei sorvoli e che, nel rispetto delle prerogative costituzionali, si definisca un nuovo equilibrio fra il diritto allo sciopero e quello alla mobilità in ambito comunitario”, afferma Flavio Ghiringhelli Presidente di IBAR.

Anche AICALF, l’associazione italiana delle compagnie aeree low fare, chiede alle istituzioni italiane di portare all’attenzione di Bruxelles e del governo francese il problema.

“Chiediamo che il Governo italiano si faccia portavoce del settore aereo nel rappresentare a Bruxelles e con le proprie controparti francesi la necessità di salvaguardare la mobilità dei cittadini europei garantendo che sia consentito il sorvolo dello spazio aereo francese in occasione degli scioperi dei controllori di volo, come del resto accade normalmente in occasione degli scioperi in altri paesi europei, tra cui l’Italia”, aggiunge Alessandro Fonti, Neopresidente di AICALF.

A livello europeo il problema era già stato sollevato da Ryanair che sta promuovendo la petizione “Protect Passengers: Keep EU Skies Open” per chiedere alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di agire immediatamente e proteggere la libertà di movimento dei cittadini europei e i sorvoli durante gli scioperi dei controllori di volo francesi. Oltre 600mila persone hanno già firmato: quando raggiungerà 1 milione di firme, la compagnia aerea la presenterà alla Commissione UE e chiederà che la presidente Ursula von der Leyen agisca una volta per tutte per proteggere la libertà di movimento dei cittadini dell’UE in occasione dei ripetuti scioperi da parte dei controllori di volo francesi.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *