200 eventi in due anni ospitando 6.600 persone. Non male per Skyway Monte Bianco, una location decisamente  poco convenzionale, trattandosi dell’impianto dell’omonima funivia.

Inaugurata il 30 maggio 2015, la nuova funivia collega in 15 minuti Courmayeur con Punta Helbronner, a 3466 metri di altezza, punto di partenza per percorsi alpinistici e fuori pista come quello del ghiacciaio del Toula, e dei 24 Km della Vallée Blanche, che conducono fino a Chamonix.

Il percorso, che prevede una tappa intermedia a Pavillon du Mont Fréty a 2173 metri, è compiuto da quattro cabine semisferiche che roteano impercettibilmente a 360°, permettendo così di godere della vista sul Monte Bianco durante la salita. Un’attrazione che ha già trasportato più di 500.000 visitatori, ponendosi come richiamo d’eccezione della Valle d’Aosta. La funivia è aperta dalle prime ore del mattino (qui gli orari stagionali) con tariffe che partono da 27 euro a/r per raggiungere Pavillon e 48 a/r per Punta Helbronner (clicca qui per conoscere il costo di biglietti e abbonamenti).

Skyway Monte Bianco - arrivo a Punta Helbronner (foto Enrico Romanzi)-0524

Un palcoscenico d’eccezione

Daily Iveco su Skyway Monte BiancoUn furgone a 3.500 m di altitudine. Circondato solo dalle vette delle montagne circostanti. È quello che hanno potuto vedere un anno fa gli inviati di Iveco, che ha utilizzato la terrazza panoramica di Punta Helbronner, che permette di godere di una vista a 360° sul massiccio del Bianco, il Cervino, il Monte Rosa e il Gran Paradiso, per la presentazione del nuovo Daily.
Con 14 metri di diametro, la terrazza circolare diventa uno scenario impareggiabile per appuntamenti che lasciano il segno. Proprio per questo contesto speciale e unico, Skyway Monte Bianco si è aggiudicata nel 2016 il premio della prima edizione del BEA-Best Location Awards, nella categoria Unexpected Location.

Ma Iveco non è l’unico. Tra le aziende che hanno scelto gli spazi della funivia come location per meeting o per il lancio di nuovi prodotti ci sono anche Louis Vuitton, Bayer, Daikin, Yamaha, Casio mentre Dolce e Gabbana l’ha scelta come palcoscenico della campagna invernale 2016-2017 della fragranza Light Blue.

La funivia è diventata anche l’ambientazione di produzioni televisive, come ad esempio la home edition dell’edizione 2015 di X-Factor, e più recentemente anche di produzioni cinematografiche internazionali come The Kingsman, in uscita nelle sale il prossimo autunno.

Oltre alla terrazza, a Punta Helbronner si trovano un bistrot, l’esposizione permanente della sala dei cristalli e la Sala Monte Bianco con la sua immensa vetrata affacciata sul Tetto d’Europa. Gli schermi multimediali sulle pareti narrano la storia dell’alpinismo e portano turisti e curiosi in un viaggio virtuale a 360° sulle principali vette circostanti.

Gli eventi più grandi si svolgono presso la stazione intermedia del Pavillon du Mont Fréty, dove si trova una sala conferenze dotata di 150 posti a platea, equipaggiata con ogni tipologia di tecnologie di ultima generazione: un proiettore cinematografico 4K Barco ad elevata luminosità, uno schermo di 10 metri per 5,4, un sistema audio innovativo, cabine per la traduzione in simultanea, una sala regia e un guardaroba per gli ospiti.

Oltre alla sala conferenza, ci sono due sale meeting modulabili per 20 e 40 persone e due ristoranti che offrono complessivamente 150 posti dove poter degustare i prodotti tipici della Valle, della cucina italiana o definire insieme allo chef un menù personalizzato.

Inoltre, è possibile visitare la Cave du Mont Blanc, la cantina in cui si produce lo spumante Vallée d’Aoste DOC Blanc de Morgex et de La Salle “Cuvée des Guides” con un metodo sperimentale da cui nasce uno dei vini più alti d’Europa e organizzare una degustazione in una location davvero insolita.

A giugno aprirà anche il “Giardino Botanico Saussurea” con 900 specie di piante alpine ed esotiche.

Tra i progetti futuri c’è la riqualificazione della storica stazione del Pavillon du Mont Fréty della precedente funivia, situata a 2.173 metri di quota. Collegata all’attuale stazione intermedia di Skyway Monte Bianco, è stata interamente ristrutturata per ampliare ulteriormente l’offerta degli spazi dedicati all’attività di meeting e congressi.

kyWay Monte Bianco - Sala conferenze Delle Alpi - foto Alberto Ziccardi (8)

Per il 2018 è previsto il termine dei lavori di recupero per la realizzazione di due nuove sale conferenze: una modulabile da 80 posti e una più piccola per meeting più ristretti. Sempre all’interno della vecchia stazione verrà realizzato anche il Museo della Montagna dedicato alla scoperta della montagna e della storia di Funivie Monte Bianco. Per l’occasione Skyway ha deciso di coinvolgere le menti più creative e innovative lanciando il “Concorso di idee”, per allestire e progettare gli spazi interni e l’esposizione museale.

Condividi:

Di Roberta F. Nicosia

Laureata in Geografia, giramondo e appassionata di fotografia, Roberta F. Nicosia parla quattro lingue ed è la nostra inviata speciale. A dieci anni, complice la copia di National Geographic che ogni mese trovava sulla scrivania e i filmini Super8 del papà, sapeva già dove erano il Borobudur, Borocay o Ushuaia e sognava di fare il reporter. Sono suoi quasi tutti gli articoli sulle destinazioni e le foto apparsi sul nostro Magazine. Dopo una parentesi con ruoli manageriali nel campo della comunicazione e dell’advertising, si è dedicata alla sua vera passione e negli ultimi vent’anni ha collaborato con riviste leisure come Panorama Travel, D di Repubblica, AD, specializzandosi poi nel MICE con reportage di viaggio, articoli su linee aeree e hotellerie. È stata caporedattore e direttore di diverse riviste di questo settore, e ha pubblicato una trentina di Guide Incentive con la collaborazione degli Enti del Turismo italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *