Navigazione Laghi, ente che dal 1957 gestisce la navigazione pubblica di linea sui tre laghi Maggiore, di Garda e di Como ha presentato a Milano un ambizioso piano di sviluppo votato all’innovazione e alla sostenibilità ambientale.

Oltre a molti altri progetti che hanno visto il loro avvio nel 2017 quali la certificazione della qualità del servizio erogato UNI EN 13816:2002, gli interventi per rendere fruibili l’accesso alle imbarcazioni da parte dei viaggiatori disabili e a mobilità ridotta e la formazione del personale sull’accoglienza e supporto a questi ultimi, i progetti sulle informazioni in tempo reale ai passeggeri e sulla realizzazione del biglietto elettronico e ticket online, Navigazione Laghi ha voluto fare il punto su quanto è stato portato avanti per rendere sempre più compatibile a livello ambientale la flotta di 97 imbarcazioni .

«All’inizio del prossimo anno sul Lago di Garda arriverà una nuova motonave da 350 passeggeri. Ma questo è solo un punto di inizio. Il processo è iniziato da tempo; ultimamente, effettuate le opportune verifiche, abbiamo deciso di investire su imbarcazioni diesel elettriche e “ibride”: sempre l’anno prossimo verrà consegnata sul Lago Maggiore una motonave diesel elettrica da 250 posti, con spazi per le biciclette ed un sicuro risparmio in termini di consumi e di inquinamento; sul medesimo lago stiamo realizzando inoltre un sistema di propulsione ibrida a bordo del traghetto San Cristoforo. Abbiamo altresì chiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti l’autorizzazione a indire gara per la costruzione di 3 navi a propulsione diesel elettrica, una per ciascun lago, con predisposizione ad essere integrate con batterie e convertitori che permetteranno di alimentare motori elettrici in modo “ibrido”», rende noto Alessandro Acquafredda, Direttore Generale di Navigazione Laghi.  «Insieme alle numerose ristrutturazioni delle nostre imbarcazioni, all’utilizzo di carburanti ecologici a basso contenuto di zolfo, di vernici antivegetative e a base di resina siliconica con basso contenuto di piombo, alla ristrutturazione di tutti gli impianti igienici a bordo in modo da non scaricare più acque nere nel lago, non dimentichiamo – conclude Acquafredda – che trasportiamo 700.000 veicoli l’anno con benefici in termini di inquinamento ambientale, acustico e decongestionamento delle strade che corrono lungo i perimetri dei Laghi».

Luca Bassi, Responsabile dell’area contratti e appalti, ripercorrendo l’Iter necessario alla costruzione di nuove imbarcazioni sottolinea che «è un percorso ben strutturato quello che dobbiamo affrontare e chiaramente delineato dalle norme in vigore; ma certamente garantisce risultati di qualità». Tra questi ci sono sicuramente i lavori avviati al cantiere di Peschiera e che termineranno in autunno «Siamo molto orgogliosi di quanto abbiamo fatto; il nostro impianto fotovoltaico garantirà energia pulita per il nostro cantiere con riduzione della co2 immessa nell’aria». Continua Luca Bassi «Oltre alla sostenibilità ambientale ci siamo occupati anche di quella sociale: abbiamo infatti sviluppato un importante progetto per il trasporto dei disabili, rendendo più fruibili le nostre imbarcazioni e gli scali, che sono tutti forniti di rampe e passerelle adatte all’imbarco e formando il nostro personale».

«Siamo certi che i nostri motori e le soluzioni con batterie e connettori ovvero ibride, siano in grado di sostenere con i motori elettrici molte operazioni, come quelle di imbarco/sbarco e di avvicinamento agli approdi senza emissioni nell’acqua ed acustiche; mentre durante la navigazione i nuovi motori diesel elettrici sono molto efficienti e assicurano un basso impatto ambientale; sicuramente questa è la soluzione più adeguata per chi deve garantire corse frequenti su bacini estesi come il Lago Maggiore, il Garda ed il Lago di Como» specifica Gian Luca Mantegazza direttore di esercizio di Navigazione Lago Maggiore.

Autore

Condividi: