Turismo: i trend e le destinazioni emergenti del 2020

Esperti del turismo e settore alberghiero si preparano a un nuovo decennio. Le destinazioni emergenti, le tendenze marcate e le nuove modalità di viaggio sostenibile, si allineano con la nuova visione del mondo da parte dei viaggiatori. Con oltre 50 anni di esperienza, Preferred Hotels & Resorts, il brand di hotel indipendenti più importante al mondo con oltre 750 strutture in 85 paesi, condivide le tendenze del prossimo anno.

  • VIAGGI SOSTENIBILI – Secondo il Sustainable Travel Report di Booking.com, il 58% dei viaggiatori eviterà di visitare una destinazione se dovesse influenzare negativamente la vita degli abitanti del posto. “I brand del settore alberghiero che dimostrano concretamente di limitare l’impronta sociale e ambientale, vedranno maggiore fidelizzazione,” afferma Michelle Woodley, Presidente di Preferred Hotels & Resorts. “Da quando è stato lanciato il programma GIFTTS (Great Initiatives for Today’s (Tomorrow’s) Society) nel 2005, Preferred Hotels & Resorts ha riconosciuto l’impegno di centinaia di hotel indipendenti, mettendo a disposizione una piattaforma per condividere ‘best practice’ che possono essere d’ispirazione ad altri.”
  • VIAGGI DI FORMAZIONE – Descritti dal Transformative Travel Council, fondato nel 2016, come “viaggi intrapresi intenzionalmente per crescere, imparare e sviluppare nuovi modi di essere e di interagire con il mondo”, nel 2020 questo trend diventerà filo conduttore in abbinamento ad altre tendenze già emerse nel 2019. Sempre più viaggiatori scelgono un contatto con la natura, cultura e attività sociali per riscoprire il proprio io e promuovere una migliore qualità di vita. Aumentano quindi viaggi sostenibili, microvacanze e viaggi in città minori, per concentrarsi sui benefici a lungo termine. “Il viaggio e la ricerca della prossima meta sono utilizzati da tempo come rimedi contro la routine quotidiana: una pausa da una carriera stressante, un modo per affrontare gli eventi della vita o una ricorrenza importante. I viaggi di formazione consentono di immergersi nella vera essenza del viaggio, siano emozionali, sociali, fisici o spirituali. È una ricerca per diventare una versione migliore di se stessi e in questo percorso, l’umanità cresce,” sostiene Kristie Goshow, Chief Marketing Officer.
  • MICROVACANZE – Definite come uno stacco di durata inferiore a quattro notti, le microvacanze stanno riscuotendo sempre più successo a tutte l’età. I viaggiatori vogliono infatti visitare più destinazioni in meno tempo. La tendenza è caratteristica nei manager millennial che, per il poco tempo a disposizione, sostituiscono le tradizionali vacanze con piccoli break. “In un mondo dove tutti sono costantemente online, le microvacanze offrono l’opportunità ideale di rilassarsi e ricaricarsi con pause brevi e frequenti,” afferma Caroline Klein, Executive Vice President, Corporate Communications and Public Relations. “Partire per pochi giorni, seppur continuando a rispondere alle email, aiuta ad avere un’altra prospettiva. Questa è una tendenza che sento davvero mia, in qualità di unica dirigente senior millennial di Preferred Hotels & Resorts. Cerco spesso di aggiungere alcuni giorni di vacanza ai miei viaggi di lavoro internazionali, per conoscere meglio il mondo e arricchire le mie esperienze.”
  • VACANZE IN FAMIGLIA LGBTQ – Con 25 paesi in Europa e in America che riconoscono legalmente le unioni civili, cresce l’attenzione al segmento dei viaggi in famiglia LGBTQ. Secondo un recente report della società Community Marketing & Insights, specializzata in ricerche di mercato LGBTQ, l’85% dei genitori LGBTQ con figli minori ha fatto una o più vacanze di famiglia nell’ultimo anno. Sempre più coppie LGBTQ scelgono di formare una famiglia e gli agenti di viaggio e i tour operator devono organizzarsi per affrontare le esigenze, la privacy e la sicurezza di questi nuclei. “Le coppie lesbiche hanno da tempo aperto la strada ai viaggi in famiglia LGBTQ, mentre sono in forte incremento i viaggi di gay con figli. Si presenta quindi una grande opportunità per le catene alberghiere di proporre programmi ed esperienze propri,” dice Rick Stiffler, Senior Vice President, Leisure Sales e ambasciatore Preferred Pride.“Il programma Preferred Pride, oggi nel suo 10° anno, offre da una parte formazione a oltre 300 hotel, resort e residence di lusso che si rivolgono alle famiglie LGBTQ, dall’altra pacchetti dedicati ai viaggiatori LGBTQ negli alberghi aderenti.”
  • INSTA-TURISMO – In un recente studio di Amadeus, il 40% degli utenti di Instagram, sotto i 33 anni, l’ha indicato come fattore decisivo nella scelta della vacanza. Oltre 500 milioni di utenti condividono in media 85 milioni di foto al giorno (fonte National Geographic). Instagram è quindi senza dubbio di ispirazione per i viaggi e in grado di influenzare la scelta della destinazione. “Nel 2020, sarà ancora più importante per i brand del settore travel riuscire a sfruttare efficacemente Instagram per catturare l’attenzione, coinvolgere il pubblico e portare business,” sostiene Lindsey Ueberroth, Chief Executive Officer.“Contenuti, campagne e collaborazioni commerciali devono essere ideati per attirare l’interesse, oltre che dei millennial, anche della generazione Z, che inizia a scegliere i propri brand e ha voce in capitolo nelle decisioni riguardanti le vacanze in famiglia.”
  • VIAGGI IN CITTÀ MINORI – In base a un recente sondaggio di Booking.com, oltre la metà (54%) dei viaggiatori mondiali desidera contribuire a ridurre l’overtourism, mentre il 51% cambierebbe la destinazione iniziale con un’alternativa ad impatto positivo di carattere ambientale o sociale. I viaggiatori iniziano a scegliere città minori che offrono charme e attrattive culturali. “Le città minori di tutto il mondo godono di una migliore raggiungibilità in aereo e l’attenzione dei tour operator con itinerari diversificati. Grazie a questo trend, destinazioni come Guadalajara in Messico, Suzhou in Cina, Milwaukee in Wisconsin USA, Porto in Portogallo, Belfast in Irlanda del Nord e altre mete, vedranno crescere il numero dei visitatori nel 2020,” afferma Robert Van Ness, Executive Vice President, America.
  • SOGGIORNI IN RESIDENCE – In un’epoca in cui viaggi multi-generazionali, personalizzazione e comfort sono tra le priorità dei viaggiatori, la scelta di soggiornare in residence è sempre più apprezzata da tutti i segmenti di mercato. Per rispondere a questa esigenza, i brand del settore alberghiero, soprattutto del lusso, prevedono di investire ulteriormente nel 2020 per espandere il portfolio di strutture residenziali. Obiettivo primario incrementare la quota di mercato. “Le aperture di nuovi hotel continuano a crescere, come cresce anche l’esigenza di soggiornare in residence. La villa in riva al mare con accesso a resort per la vacanze in famiglia, o l’appartamento in centro città per lavoro o brevi trasferte,” conferma Philipp Weghmann, Executive Vice President, Europa. “Preferred Residences, che ha appena raggiunto quota 100, è la nostra risposta a quest’esigenza. Mettiamo infatti a disposizione dei viaggiatori un’ampia gamma di soluzioni, in grado di offrire ai clienti 32 destinazioni culturalmente uniche, che propongono la sensazione di casa ma soddisfano anche l’esigenza di spazio, servizi e comfort.”
  • LE DESTINAZIONI EMERGENTI: MESSICO – La cultura ricca e variegata del Messico si presta naturalmente a esperienze incentrate sulla conoscenza del suo popolo, della sua arte e architettura, e della cucina regionale. Il turismo in Messico è infatti in crescita. Si stimano oltre 45 milioni di visitatori nel 2019, un +5,6% rispetto all’anno precedente. Incrementano anche nel 2020 le aperture di strutture lusso per andare incontro alla maggior richiesta. “Il mercato di lusso in Messico è emerso negli ultimi anni come il più importante e solido dell’America Latina, con nuove destinazioni come Los Cabos e destinazioni rinomate come la penisola dello Yucatan” afferma Antonio Vera, Regional Director, Messico. “Preferred Hotels & Resorts ha registrato uno sviluppo costante a partire dal 1999, confermato dalle recenti affiliazioni di Atelier Playa Mujeres e Montage Los Cabos nei segmenti lusso e super lusso. Quest’ampia gamma di hotel e resort di fascia alta ha contribuito a consolidare il Messico come scelta leisure di lusso in meno di 10 anni.”
  • LE DESTINAZIONI EMERGENTI: COPENAGHEN, DANIMARCA – La sostenibilità rimane un’esigenza costante per i viaggiatori di tutto il mondo e le destinazioni ecosostenibili, che contribuiscono alla tutela dell’ambiente locale, riscuotono sempre più successo. In Europa, Copenaghen si è posta l’obiettivo di diventare la prima città europea a emissioni zero entro il 2025. La Danimarca viene d’altronde eletta regolarmente come uno dei paesi più sani e felici dove vivere. “Tra i numerosi hotel in apertura a Copenaghen nel 2020, Villa Copenaghen sarà quello più spettacolare. Viene infatti trasformata la sede storica delle poste in un eco-hotel di lusso, che sarà inaugurato ad aprile,” dice Brenda Collin, Managing Director, Regno Unito, Irlanda, Scandinavia e Paesi Bassi. Privilegiando un lusso consapevole e la natura, l’hotel sta investendo in modo significativo nell’energia rinnovabile, in collaborazioni con marchi locali sostenibili ed ecologici, e in iniziative innovative, tra cui la prestigiosa Earth Suite, progettata unicamente con materiali che rispettano l’ambiente.
  • LE DESTINAZIONI IN ASCESA: GIAPPONE – Con un totale di oltre 24 milioni di arrivi l’anno, il Giappone è stata la destinazione che ha avuto una notevole crescita nell’ultimo decennio. Grazie al successo della recente Rugby World Cup 2019 e all’abolizione delle restrizioni sui visti, Tokyo è candidata a essere tra le destinazioni più gettonate. Oltre a ospitare i giochi olimpici e paralimpici del 2020, Shibuya, la principale area commerciale della capitale giapponese, sta trasformando profondamente il proprio skyline. “Tokyo si pone l’obiettivo di accogliere un maggior numero di visitatori internazionali, mentre l’ente nazionale per il turismo sta investendo in campagne di marketing multilingue per far conoscere le destinazioni meno visitate del paese, contribuendo a promuovere il Giappone anche dopo le Olimpiadi,” dice Kaori Yamaguchi, Managing Director, Giappone. “Preferred Hotels & Resorts rappresenta 17 alberghi indipendenti in Giappone, tra cui Cerulean Tower Tokyu Hotel a Tokyo, Hotel New Grand a Yokohama e The Thousand Kyoto a Kyoto, in grado di offrire ai visitatori un appoggio eccellente per partire alla scoperta delle destinazioni culturali del Giappone, oltre a Tokyo.”
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *