8,9 milioni di italiani hanno trascorso o trascorreranno le vacanze sulla neve da gennaio a marzo 2024, generando un giro d’affari di 6,1 miliardi di euro. Effettuano prenotazioni con oltre un mese di anticipo, hanno una disponibilità economica limitata che li porta a escludere le mete più costose, ma non rinunciano alla vacanza in montagna, cercando soluzioni alternative per rimanere entro il budget. Per la settimana bianca preferiscono destinazioni nel nord Italia mentre per brevi soggiorni sciistici nel fine settimana, le località montane del centro-sud diventano più attrattive, compensando le prestazioni meno favorevoli dovute a scarse nevicate sull’Appennino. Un dato rilevante è che solamente il 4,5% ha scelto destinazioni estere per la propria vacanza sulla neve.

Questi dati emergono dallo studio condotto da Tecnè per Federalberghi, delineando le tendenze dei viaggiatori italiani durante il periodo invernale. L’interesse per la montagna si conferma sia tra chi si concede una settimana intera di vacanza (6,5 milioni) sia tra chi preferisce brevi soggiorni nel weekend (2,4 milioni), dimostrando l’attrattiva invariata della neve per gli italiani. Tecnè ha condotto l’indagine tra il 27 febbraio e il 2 marzo, coinvolgendo 4.520 italiani adulti con un campione, stratificato per regione e dimensione demografica dei comuni, che rispecchia la popolazione adulta residente in Italia.

LE SETTIMANE BIANCHE E LE DESTINAZIONI PREFERITE

Il 95,5% degli intervistati ha scelto di trascorrere la settimana bianca in Italia e il restante 4,5% all’estero. In particolare, tra chi non varca i confini nazionali, il 72,6% si reca nelle regioni settentrionali e solo il 22,9% in quelle centro-meridionali anche a causa delle scarse nevicate sull’Appennino che hanno influito negativamente sulla domanda.

LA SPESA MEDIA

La spesa pro-capite sostenuta per la settimana bianca, comprensiva di tutte le voci (trasporto, alloggio, cibo, impianti, corsi di sci e divertimenti) è pari a 670 euro per persona. La prima voce di spesa è quella per i pasti (29,8%), seguita dal pernottamento (28,4%) e dal viaggio (19,6%).

L’ALLOGGIO

Al momento di scegliere l’alloggio per la settimana bianca, gli italiani confermano la predilezione per l’albergo (26,8%), seguito dai bed & breakfast (23,3%). Seguono casa di parenti ed amici (16,1%) e il rifugio alpino (13,0%). Nota della redazione: in questa classifica stranamente mancano case vacanza e locazioni turistiche, a meno che non siano ricomprese tra le case di parenti e amici.

QUANDO SI PRENOTA

La maggioranza delle prenotazioni è fatta con largo anticipo: il 41,2% un mese prima, l’8,1% un mese e mezzo prima, il 10,6% due mesi prima e tra tre e quattro mesi prima il 4,5%.

LA SCELTA DELLA LOCALITA’ E LE ATTIVITA’

I criteri che guidano la scelta della località sono: la sua bellezza naturale (73,4%) e le caratteristiche che la rendono ideale per divertirsi (22,9%). Le principali attività svolte durante questo periodo di vacanza sono: relax (65,1%), passeggiate (63,8%) e partecipazione a eventi enogastronomici (59,1%).

NON SOLO SETTIMANA BIANCA

Dei 6,5 milioni di italiani che hanno fatto o faranno una settimana bianca, 700 mila si concederanno inoltre almeno un week end sulla neve.

I WEEK END SULLA NEVE E LE DESTINAZIONI PREFERITE

Chi fa, invece, i weekend sulla neve rimane all’interno dei confini nazionali. Il particolare, il 38,6% si reca nelle regioni centro-meridionali e il 61,4% in quelle settentrionali.

LA SPESA MEDIA

La spesa pro-capite sostenuta per i week end sulla neve, comprensiva di tutte le voci (trasporto, alloggio, cibo, impianti, corsi di sci e divertimenti) è pari a 257 euro per persona, così ripartiti: per i pasti il 26,5%, per il pernottamento 21,7%, per le spese di viaggio il 17,3% e per lo shopping 6,8%.

L’ALLOGGIO

L’alloggio preferito in questo caso è la casa di parenti ed amici (40,0%), seguita dai bed & breakfast (38,3%), dal rifugio alpino (6,7%) e dall’albergo (6,4%). NDR, anche qui, tutto lascia supporre che la casa di parenti e amici possa in realtà essere a pagamento come cav o lt.

QUANDO SI PRENOTA

In questo caso gli italiani prenotano a ridosso della vacanza: il 41,3% tre settimane prima e il 41,4% quindici giorni prima.

LA SCELTA DELLA LOCALITA’

In questo caso, tra i criteri che guidano la scelta, oltre alla sua facilità di raggiungimento (67,2%) troviamo le bellezze naturali che offre (52,6%).

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *