viaggi natale

Quasi 20 milioni di italiani faranno una vacanza tra Natale e Capodanno. I flussi di viaggiatori si avvicinano a quelli del 2019 anche se il fatto che le due festività cadano di domenica non favorisce certo lunghi viaggi, almeno per chi ha impegni lavorativi. Questi i dati della rilevazione condotta nella seconda settimana di dicembre da SWG per Confcommercio sulle vacanze degli italiani a Natale e Capodanno.
“20 milioni di italiani in viaggio tra Natale e Capodanno, oltre agli stranieri, sono un buon segnale per tutta la filiera turistica e per il Paese, ma la spesa è ancora debole e i problemi strutturali restano irrisolti. Proprio per questo il turismo deve avere maggior peso nelle politiche del Governo perché se cresce il turismo cresce l’intera economia”: così il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sulle rilevazioni riguardanti le vacanze di Natale e Capodanno diffuse oggi dalla Confederazione. 

Concentrando l’attenzione sul Natale, il 93% dei viaggiatori resterà in Italia e in 6 casi su 10 all’interno della regione di residenza. Il 55% starà via per due giorni al massimo mentre solo 1 su 10 dichiara che farà una vacanza di oltre 5 giorni, includendo quindi anche Capodanno. Saranno meno del 5% coloro che si concederanno viaggi o soggiorni lunghi in località turistiche, a cavallo tra le festività principali. Il popolo dei vacanzieri natalizi spenderà in tutto 5 miliardi di euro, 550 euro a persona, poco più di quanto fatto per il ponte dell’Immacolata. Si tratta principalmente di persone di età compresa tra 35 e 54 anni e in prevalenza del Nord-Est e Ovest. Le regioni più visitate in questo periodo saranno Lombardia, Lazio, Campania, e Trentino Alto Adige, ideale per gli appassionati di sport invernali ed atmosfera natalizia. Quest’inverno tra le mete nostrane a sorpresa si aggiungerà la Puglia. 

Sono, invece, oltre 10,3 milioni gli italiani che scelgono di spostarsi per le vacanze di Capodanno. Oltre il 20% sceglierà mete estere, privilegiando Spagna, Francia e Germania, metà degli intervistati dichiara che resterà nei confini regionali. Tra le regioni, preferita tra tutte la Puglia, seguita dal Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto e Lazio. La durata media del soggiorno fuori casa resta però in linea con quella della settimana precedente, e aumenta di circa 1 milione il numero dei vacanzieri più giovani – 18/34 anni – contraddistinti in media da un potere d’acquisto più ridotto. Ciò fa sì che la spesa complessiva per questo periodo si riduca, seppure lievemente, rispetto a Natale, totalizzando poco più di 4,5 miliardi, 440 euro a testa. Più in generale, per queste festività gli italiani puntano a visitare città d’arte e borghi, oltre alle destinazioni montane, scelte dal 19% di chi viaggia in questo mese. La voglia di vivere appieno l’atmosfera speciale di questo periodo è il driver principale della vacanza, soprattutto a Capodanno. 

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *