Il 10% delle vendite mondiali dell’e-commerce vengono effettuate tramite pratiche di affiliation marketing, un sistema utilizzato soprattutto dalle realtà editoriali e che consiste nel guadagnare una percentuale dalle vendite effettuate attraverso il click su un link sponsorizzato.

A questo settore è dedicato il secondo report di Awin, basato su 13mila inserzionisti e 100mila editori attivi sulla piattaforma del network. Dal rapporto emerge come l’Italia sia ancora un paese molto legato alle forme di pubblicità tradizionale grazie alla pervasività della tv a cui hanno accesso il 96% degli italiani e a forme di pagamento tradizionali. Nonostante questo è anche uno dei paesi con la maggiore penetrazione degli smartphone (92%) nonché uno dei paesi in cui ci si preoccupa meno dei dati condivisi quando si fa un acquisto online.

In questo scenario le prospettive future vedono ampie possibilità di crescita dell’appetito “digitale” degli italiani e del loro engagement in diverse attività sulla rete. E mentre l’uso dei social media tra la popolazione è attualmente il principale outlier a questo riguardo, ci sono numerosi segnali che l’e-commerce sta catturando l’attenzione di un pubblico sempre più ampio, e gli affiliati stanno contribuendo a promuovere e sviluppare questo interesse.

La spesa online dei consumatori italiani hcontinua a crescere, chiudendo nel 2017 a quota 23,6 miliardi di euro, il doppio del 2013.
Una varietà di settori sta cominciando a scorgere i segnali di questa crescita annunciata, in primis il settore farmaceutico e sanitario, che ha visto una grande quantità di investimenti nella promozione digitale, senza considerare il comparto “food and groceries”, ovvero l’alimentare, che ha registrato una crescita del 30% delle vendite online nel 2016 rispetto all’anno precedente.

Anche la vendita al dettaglio online sta iniziando a prosperare. Essendo un settore dominato da giganti internazionali come Amazon, il commercio transfrontaliero è ben consolidato in Italia con circa un quarto delle vendite online avvenute tramite siti e marketplace stranieri. Tuttavia i concorrenti nazionali, come ad esempio ePrice, sfidano questa egemonia e offrono uno spazio alternativo tutto italiano per i nostri acquirenti.

Il commercio via mobile è un’altra area che non ha bisogno di incoraggiamento: i germogli della sua crescita sono ormai più che radicati. Non solo: si prevede che nei prossimi anni l’Italia sarà il mercato in più rapida crescita tra le nazioni europee sviluppate, per quanto riguarda le vendite via mobile dei prossimi anni.

La crescita delle vendite degli affiliati è testimoniato da Aein stessa che ha constatato infatti come l’Italia sia uno dei primi 3 paesi con il tasso di crescita più alto in Europa per le vendite da smartphone, che nel 2017 ha visto un aumento del 43% rispetto all’anno precedente.

Anche il Black Friday, da sempre un indicatore da tenere in considerazione per valutare le tendenze in materia di e-commerce in un certo mercato, ha evidenziato questo trend.

La continua ricerca da parte dei consumatori di offerte e sconti speciali è un altro fenomeno in crescita, il che offre una possibilità preziosa a tutti quegli affiliati che vogliono dimostrare il loro valore aggiunto ai brand, aiutandoli a espandere la loro customer base e a fidelizzare gli utenti. Gli affiliati di codici sconto sono la tipologia di publisher in più rapida crescita in Italia e se la performance del Black Friday nel 2017 è rivelatrice (le vendite registrate quel giorno erano superiori del 50% rispetto all’anno precedente), questa tendenza è destinata a continuare.

Infatti, la crescita del Black Friday in Italia consentirà agli affiliati di giocare un ruolo ancora più importante, aiutando i brand a farsi la giusta pubblicità durante la folle corsa agli acquisti. I consumatori italiani sono infatti ora più che mai consapevoli dei prezzi dei prodotti i publisher sono i loro partener fedeli per aiutarli a risparmiare il massimo.

Gli advertiser sono altrettanto attenti a come spendere i loro budget pubblicitari. Raggiungere questi clienti, nel modo più efficiente possibile, rimarrà una priorità per loro e, considerato lo scenario attuale, la pubblicità digitale è il mezzo più efficace per raggiungere questo obiettivo. Data la continua crescita dell’ecommerce in Italia, c’è un enorme potenziale inesplorato nel nostro territorio e l’affiliazione, basandosi sulle performance, può a ragione pensare di essere uno dei canali che beneficerà maggiormente dall’evoluzione in atto.

Autore

  • Domenico Palladino

    Domenico Palladino è editore, consulente marketing e formatore nei settori del travel, della ristorazione e degli eventi. Dal 2019 è direttore editoriale di qualitytravel.it, web magazine trade della travel & event industry. Gestisce inoltre i progetti editoriali di extralberghiero.it, dedicato agli operatori degli affitti brevi e cicloturismo360.it, per gli amanti del turismo su due ruote. Ha pubblicato per Hoepli il manuale "Digital Marketing Extra Alberghiero". Laureato in economia aziendale in Bocconi, indirizzo web marketing, giornalista dal 2001, ha oltre 15 anni di esperienza nel travel. Dal 2009 al 2015 è stato web project manager del magazine TTG Italia e delle fiere del gruppo. Dal 2015 al 2019 è stato direttore editoriale di webitmag.it, online magazine di Fiera Milano Media dedicato a turismo e tecnologia.

Condividi: