Amo il Mondo – tour operator del Gruppo Uvet specializzato nelle proposte viaggio di lungo raggio tailor made – in occasione di una cena che si è tenuta il 15 settembre, ha presentato alle agenzie di viaggi le novità e i prodotti, prima tra tutte la nuova collaborazione con JA Resorts & Hotels, azienda alberghiera internazionale di Dubai.
La serata, organizzata presso il Ristorante Fiorfood by La Credenza nella prestigiosa Galleria San Federico nel centro storico di Torino, è stata la prima occasione per Amo il Mondo, dopo l’emergenza Covid-19, di poter rincontrare le agenzie di viaggi.
Durante l’evento sono stati presentati tutti i JA Resorts and Hotels di lusso a Dubai, Seychelles e Maldive che entreranno a far parte della programmazione di Amo il Mondo.
All’incontro hanno preso parte per Amo il Mondo Roberto Servetti, Product Director e Martino Dotti, Sales Manager, per JA Resorts & Hotels Robert El Khoury, Vice President, Christopher Tutty, Director of Sales Dubai e Simone Berti, Director of Sales Indian Ocean oltre a Marco Molari Rappresentante per l’Italia della compagnia.

“Sono molto contento di poter annunciare questa nuova e importante partnership con JA Resorts & Hotels” – ha commentato Roberto Servetti, Product Director di Amo il Mondo – “Una collaborazione molto importante per Amo il Mondo in vista di Expo Dubai 2020, che partirà il 1° di ottobre, e in previsione dell’apertura dei corridoi turistici verso Seychelles e Maldive, destinazioni molto richieste dalla clientela”.

“Siamo estremamente soddisfatti di questo incontro. La cena è stata la prima occasione, dopo il lungo periodo dovuto all’emergenza Covid-19, di poter rincontrare le agenzie di viaggi e presentare alcune novità in vista della prossima stagione” – ha commentato Martino Dotti, Sales Manager di Settemari e Amo il Mondo – “L’incontro diretto con le agenzie di viaggi è per noi un momento fondamentale volto ad individuare in maniera condivisa le esigenze e le richieste della clientela grazie al confronto tra le nostre offerte e le loro necessità”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *