È online da domenica 9 maggio Bit Digital Edition, l’evoluzione digitale della Borsa Internazionale del Turismo, che proseguirà fino a martedì 11 maggio per gli operatori e dal 12 al 14 per il pubblico dei viaggiatori.
La manifestazione è stata aperta da un convegno inaugurale in cui gli interventi istituzionali ai massimi livelli si sono alternati alle presentazioni di dati e scenari, con la partecipazione di: Luca Palermo, Amministratore Delegato e Direttore Generale Fiera Milano; Alfonso Morvillo, Coordinatore del Rapporto Italiano sul Turismo – CNR IRISS; Caroline Bremner, Responsabile ricerche sui viaggi di Euromonitor International; Alessandra Priante, Direttore Europa dell’organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite; Thierry Breton, Commissario europeo responsabile per il mercato interno; e Massimo Garavaglia, Ministro del Turismo. Ha moderato Magda Antonioli, Direttore ACME Università Bocconi.
Molto imponente (e indispensabile in questo momento per offrire un fondamentale orientamento agli operatori) lo schieramento di ricerche inedite- e relativi dati e dati- dai maggiori centri studi europei e italiani.

Il convegno è stato aperto con il report La trasformazione sostenibile e digitale per la ripresa nel turismo europeo a cura di Euromonitor International (Londra). UNWTO ha illustrato lo scenario globale sul turismo e il Commissario Breton ha presentato il Piano Europeo per rilanciare il turismo e l’atteso Digital Green Pass. A seguire è stato presentato il XXIV Rapporto sul Turismo Italiano a cura di CNR-IRISS, in collaborazione con Istat e Censis. Nel pomeriggio il prestigioso think-tank Oxford Economics (London), presente per la prima volta in Bit, ha presentato le previsioni dell’autorevole European Tourism Forecast 2021.
“In un momento storico come questo,” – commenta l’Amministratore Delegato di Fiera Milano Spa, Luca Palermo – “in cui il settore affronta sfide senza precedenti, abbiamo ritenuto fondamentale esserci come Bit per continuare a sostenere il turismo. Per Fiera Milano è importante mettere sempre al centro gli attori delle filiere che rappresentiamo e al contempo cogliere le opportunità della trasformazione digitale. Il quadro che emerge dalle diverse ricerche presentate rivela che il 56% degli europei faranno un viaggio quest’anno in Europa. Non solo. Per l’Italia è interessante notare come il 54% per dei nostri connazionali scelga di restare nel nostro Paese per le vacanze e non da ultimo assisteremo ad un turismo più consapevole, dove il 60% delle scelte saranno dettate dall’attenzione all’ambiente”.

Dal dibattito è emerso come l’uscita dall’emergenza rappresenti un’opportunità per ripensare le destinazioni con un approccio inclusivo, basato sulla sostenibilità. Diventano determinanti, inoltre, la market intelligence e la trasformazione digitale per rispondere all’evoluzione della domanda, sempre più determinata non dall’offerta ma dal viaggiatore, che ricerca più l’esperienza che la destinazione.

I dati di Euromonitor evidenziano che nel 2026 il giro d’affari mondiale del turismo sarà pari a circa 1.400 miliardi di dollari. L’Italia recupererà i livelli pre-pandemia nel 2025, confermandosi al quarto posto in Europa con poco meno di 60 miliardi di dollari.

In tema di numeri, sono 1.581 i diversi attori della filiera del turismo che hanno aderito e che a oggi hanno già pubblicato 1.800 stories sulla piattaforma Expo Plaza. Nel palinsesto Bit Talks, sono più di 90 gli eventi (di cui 13 in simultanea in inglese) arricchiti quest’anno dai dibattiti sugli scenari di Bit Special Talks e che diventano 110 con gli eventi degli espositori. Infine, Bit Community, la piattaforma su invito di incontro tra domanda e offerta e un sistema di matching per i buyer, che ha già confermato oltre 5.700 appuntamenti di business in videochat.

Condividi: