Birò, il più piccolo veicolo elettrico a 4 ruote, di Estrima S.p.A. – società italiana attiva nel settore della micromobilità elettrica e nata a Pordenone nel 2008 – sbarca a Kobe, una delle realtà urbane più cosmopolite ed eclettiche di tutto il Giappone nella prefettura di Hyogo.

Fino al 25 dicembre, è stato infatti attivo durante i weekend un servizio dedicato ai turisti che ha consentito di visitare la città a bordo di Birò, partendo dalla rinomata zona turistica di Shin-Kobe/Kitano, situata sotto le più alte colline di Kobe.
L’iniziativa è un progetto sperimentale per valutare miglioramenti all’accessibilità di Kobe al fine di rivitalizzare l’offerta turistica che è svantaggiata da sfavorevoli mezzi di trasporto, attraverso l’inserimento del concetto della micromobilità ultracompatta. Il centro della città, infatti, è caratterizzato dalle sue famose colline che si estendono da nord a sud. I mezzi di trasporto a disposizione sono limitati e questo non consente facili spostamenti dalla zona montagnosa, dove si trova l’Ijinkan, fino a quella portuale, dove si trova la Torre del Porto. Inoltre i punti turistici sono parecchi con un abbondante incremento dei turisti che è difficile da gestire.

BIRÒ, con il suo concetto di micromobilità elettrica, arriva in aiuto dei passeggeri, riducendo i tempi di viaggio, migliorando l’efficienza e consentendo così un comodo, sicuro e pratico tour della città. Inoltre, la filosofia green di Birò, la sua tecnologia intelligente e la sua immagine di design aiuteranno a migliorare l’immagine della città e a incrementare l’attrattiva turistica. Per questo primo test, i turisti parteciperanno a un vero e proprio tour organizzato di due ore delle principali attrazioni della città. I turisti proveranno l’esperienza di condurre Birò tra le strade di Kobe, con la sicurezza di avere sempre davanti la guida turistica, anch’essa a bordo di Birò.

Partendo dalla stazione di Shin-Kobe, si sono potuti toccare tutti i più rinomati luoghi di Kobe, facendo delle soste fotografiche in punti panoramici quali il Parco Meriken con la Torre del Porto, Ponte Venere, la zona del Lungomare e quella di Kitano. Il progetto è in fase sperimentale per il periodo natalizio che è notoriamente caratterizzato da un forte incremento delle proposte turistiche. L’obiettivo è quello di inserire il servizio di Birò a tempo pieno e favorire così la mobilità cittadina tutto l’anno.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *