Il discorso è lungo. Coinvolge la necessità di rivolgersi agli specialisti, che sia per un viaggio individuale o per un incentive di successo, la crescita del segmento del lusso nel campo dei viaggi, l’importanza del brand e i travel trend del 2017.

Per questo lo faremo in più puntate, partendo dalla presenza di Qualitytravel, unica testata MICE, a Essence of Luxury, la convention annuale di Traveller Made che finisce proprio oggi a Deauville e che ha riunito per 5 giorni negli ambienti del CID, il centro congressi della cittadina del nord della Normandia, i migliori travel designers e più esclusivi hotelier del mondo.

Traveller Made – la risposta europea a Virtuoso – è un network di agenzie di altissimo profilo creato nel 2013 da Quentin Desurmont, titolare di Peplum. Nato con una trentina di travel designers, il network conta oggi 270 agenzie partner, tra cui solo nove italiane. Ico Inanc de Il Viaggio ha vinto nelle categoria Most Creative Designer.

Monitorare le agenzie che fanno parte del network, selezionate secondo un criterio molto rigido, gratificarle con i Traveller Made Awards, produrre dei survey annuali che evidenziano tendenze e risultati: è questo il lavoro che fa Traveller Made.

Nel prossimo articolo esamineremo il profilo delle agenzie del network, molte coinvolte anche nel corporate, e i comportamenti di viaggio degli ultra-wealthy, cioè quei clienti che fanno parte delle 220.000 famiglie che nel mondo della finanza e del private banking vengono definite UHNW (High Net Worth Individual).

Per ora vi suggeriamo solo le mete che emergono ai primi posti secondo i membri del network che rispondono alla domanda “Quali sono le destinazioni che prevedete di promuovere nel 2017”?

L’Italia è abbastanza sorprendentemente al secondo posto dietro al Giappone per quello che riguarda le mete classiche, con Maldive, Francia, Nuova Zelanda, Australia, Indonesia, Mauritius, Cile e Argentina nelle prime dieci. Seguono Usa, Irlanda, Canada e Croazia.

Ricordiamo che parliamo di un segmento molto particolare, una nicchia di viaggiatori con grande capacità di spesa ma altrettante esigenze e aspettative culturali, per cui è facile che questi trend non siano comparabili con le tendenze del turismo mondiale che tengono conto di tutti i segmenti.

Interessante anche la classifica delle mete che si affacciano ora al viaggio inteso come esperienza e unicità. Secondo le risposte delle agenzie, le destinazioni emergenti per il 2017 sono Sri Lanka, Costa Rica, Colombia, Ecuador, Myanmar, Bhutan, Isole Fiji, Cuba e Islanda.

Autore

  • Roberta F. Nicosia

    Laureata in Geografia, giramondo e appassionata di fotografia, Roberta F. Nicosia parla quattro lingue ed è la nostra inviata speciale. A dieci anni, complice la copia di National Geographic che ogni mese trovava sulla scrivania e i filmini Super8 del papà, sapeva già dove erano il Borobudur, Borocay o Ushuaia e sognava di fare il reporter. Sono suoi quasi tutti gli articoli sulle destinazioni e le foto apparsi sul nostro Magazine. Dopo una parentesi con ruoli manageriali nel campo della comunicazione e dell’advertising, si è dedicata alla sua vera passione e negli ultimi vent’anni ha collaborato con riviste leisure come Panorama Travel, D di Repubblica, AD, specializzandosi poi nel MICE con reportage di viaggio, articoli su linee aeree e hotellerie. È stata caporedattore e direttore di diverse riviste di questo settore, e ha pubblicato una trentina di Guide Incentive con la collaborazione degli Enti del Turismo italiani.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *