L’Hôtellerie Summit, nella sua seconda edizione, è stato il palcoscenico scelto da Pambianco per presentare approfondimenti cruciali sul futuro del turismo. In un mondo post-pandemico, segnato da incertezze geopolitiche e cambiamenti climatici, l’evento ha offerto una visione illuminante sul “nuovo normale” che sta ridefinendo il settore.

David Pambianco, CEO di Pambianco, ha aperto i lavori, introducendo l’intervento di Alessio Candi, Consulting e M&A Director, che ha presentato lo studio “Turismo, la sfida del new normal tra lusso e midscale“. Quest’analisi ha messo in luce come, nel 2023, il turismo abbia contribuito per il 10,3% al PIL italiano, con un incremento dell’1% rispetto all’anno precedente, e impiegato il 12% della forza lavoro nazionale. Il saldo attivo del solo segmento dell’ospitalità nei primi nove mesi del 2023 è stato di 17,2 miliardi di euro, con un aumento del 7,2% rispetto al 2022.

Un aspetto chiave dello studio è stata l’analisi dei flussi turistici mondiali, guidati dall’Europa con forte distacco sulle aree di Asia e Pacifico salite in seconda posizione grazie ad una crescita del 155% sull’anno precedente e dalle Americhe, scese in terza posizione nonostante l’ulteriore crescita del 27%. Andando inoltre a vedere come si compongono gli oltre 700 milioni di turisti che visitano l’Europa vediamo che il podio è composto da Francia, Spagna e, al terzo posto, l’Italia. A seguire si è presentata una fotografia dell’offerta alberghiera italiana, che vede ancora una netta prevalenza delle strutture tre e quattro stelle sul totale, che ospitano oggi l’89% dei turisti. In Italia la penetrazione delle grandi catene alberghiere è ancora molto bassa rispetto alla media europea (7% vs una media del 18,5%).

Fabio Savelli, Partner e CEO di Sita Ricerca, ha approfondito il tema con lo studio “Le vacanze in Italia. Il customer journey del viaggiatore”, basato su un’indagine campionaria tra italiani e tedeschi. I risultati mostrano che, nonostante la pandemia sia considerata superata, è rimasta una maggiore attenzione all’igiene e un generale aumento dei prezzi. La scelta di un hotel a 3 stelle, privilegiata dai viaggiatori italiani, deriva essenzialmente da considerazioni economiche, come decisione razionale o come opzione residuale se non sono disponibili altre possibilità. La scelta di un hotel 4/5 stelle, in testa alle preferenze dei turisti tedeschi, è invece una “coccola”, una parentesi nel lusso, una scelta emotiva. La casa vacanza è invece sinonimo di libertà e autonomia nel soggiorno, una scelta per famiglie, che offre la possibilità di portare con sé gli animali domestici. La colazione si conferma l’elemento decisivo nella scelta dell’hotel, con differenze tra italiani, più attenti alle recensioni e alla cancellazione flessibile, e tedeschi, che prediligono la posizione e la categoria dell’albergo.

Pier Ezhaya, Presidente di Astoi Confindustria Viaggi, ha concluso la giornata con una panoramica sulla situazione del turismo italiano, offrendo uno sguardo privilegiato dal punto di vista degli operatori del settore.

A seguire si sono susseguiti sul palco Graziano Debellini, Presidente TH Group, Christian Boyens, Vice President & Divisional Leader Southern Europe Belmond, Andrea Kellner Ongaro, VP Commercial Strategy Europe & North Africa | Accor Premium, Midscale & Economy Brands, Leonardo Massa, Vice President Southern Europe & Managing Director Italy di MSC Crociere e Marco Gilardi, Operations Director Italy & USA – Minor Hotels Europe and Americas, i quali attraverso interviste one to one con David Pambianco, hanno raccontato il settore e le principali opportunità e sfide che questo propone oggi attraverso la lente delle proprie case history.

Il Summit è quindi ripreso dopo il coffee break con l’intervista a Liliana Comitini, Presidente e Amministratore Delegato B&B HOTELS Italia, Slovenia e Ungheria. La mattinata è quindi proseguita con le interviste di David Pambianco a Valentina De Santis, CEO & Owner Grand Hotel Tremezzo, Passalacqua e Sheraton Lake Como, Marcello Cicalò, CEO Bluserena Hotels & Resorts, Luca Boccato, CEO HNH Hospitality e Aldo Melpignano, Fondatore e Amministratore Delegato di Egnazia Ospitalità Italiana. A chiudere la vivace mattinata di interventi è stata infine l’intervista a Davide Bertilaccio, CEO Villa d’Este Hotels.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *