credits photo: JordanHoliday da pixabay

VisitBritain accoglierà oltre 120 buyer internazionali per una serie di educational in Gran Bretagna. Gli educational che cominceranno dal 28 gennaio, sono costituiti da un mix di itinerari da tre a cinque giorni in destinazioni di Inghilterra, Galles e Scozia, per mostrare ai buyer internazionali i prodotti turistici più recenti. Agli Educational partecipano buyer provenienti da 16 mercati internazionali, tra cui rappresentanti dei tre maggiori mercati inbound del Regno Unito: Stati Uniti, Francia e Germania, nonché di Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Giappone, Paesi del Golfo (CCG), India, Italia, Paesi Bassi, Paesi Nordici, Corea del Sud e Spagna.

Patricia Yates, CEO di VisitBritain, ha dichiarato: Siamo lieti di mostrare la Gran Bretagna ai buyer internazionali per incentivare le prenotazioni. Dalla bellezza delle nostre coste e della campagna, all’eccitante varietà delle nostre attrazioni culturali, fino ai nostri ristoranti e sistemazioni, i buyer potranno sperimentare in prima persona la più calorosa accoglienza britannica e l’eccezionale e variegata offerta turistica. Lavorare con gli operatori turistici internazionali è fondamentale per garantire che siano pronti a vendere la Gran Bretagna, oltre che per ampliare gli itinerari di viaggio, incoraggiando i visitatori a esplorare di più e a rimanere più a lungo”.

I team di VisitBritain hanno lavorato in collaborazione con gli Enti Turistici locali e le aziende ricettive in Inghilterra, Scozia e Galles per sviluppare itinerari su misura per ciascun mercato. Tutti gli itinerari includono e cominciano da Londra, prima che i buyer visitino destinazioni come Manchester, Liverpool e il Lake District; Bath, Bristol e le Cotswolds; Newcastle e Northumberland; Cambridge; Somerset; le West Midlands; la regione vinicola inglese; Edimburgo; Cardiff e altre regioni di Scozia e Galles. Per il mercato italiano l’itinerario, che inizierà la sera del 27 gennaio, porterà i buyers alla scoperta di Oxford, per poi continuare nella splendida contea del Somerset, con l’elegante citta’ georgiana di Bath, la moderna e dinamica Bristol e la storica Wells, fino alla Cheddar Gorge, una suggestiva gola nei pressi della cittadina di Cheddar, in cui nacque il famoso formaggio inglese.

Gli educational fanno parte dell’evento Showcase Britain dell’Ente Nazionale per il Turismo, che prenderà il via con un evento di networking per i buyer internazionali e i Travel Trade Media  al Tottenham Hotspur Stadium di Londra giovedì 26 gennaio. I buyer saranno accolti ufficialmente dal Presidente di VisitBritain Nick de Bois CBE, seguito da aggiornamenti da parte dei Team Commerciali dell’Agenzia e di London & Partners, VisitScotland e Visit Wales sugli ultimi prodotti, esperienze, ospitalità e alloggi. Prima di partire per i rispettivi tour, i buyer parteciperanno anche al Britain and Ireland Marketplace (BIM) il 27 gennaio. Qui avranno un’intera giornata di appuntamenti con fornitori di servizi turistici e destinazioni provenienti da tutta la Gran Bretagna. Gli Educational si svolgeranno mentre VisitBritain si prepara a ospitare il suo evento commerciale globale di punta, ExploreGB Virtual, dal 27 febbraio al 2 marzo.

VisitBritain lancerà anche una nuova campagna di marketing GREAT Britain a febbraio per incentivare le prenotazioni, invitando i visitatori a “vedere le cose in modo diverso”, mostrando la Gran Bretagna come una destinazione dinamica, emozionante e inclusiva. La campagna si concentra anche sui principali eventi del 2023, tra cui l’Incoronazione di Re Carlo III a maggio, per la quale si terrà un weekend lungo, e su Liverpool che ospiterà l’Eurovision Song Contest, per conto dell’Ucraina, sempre a maggio. Le ultime previsioni di VisitBritain per il 2023 stimano 35,1 milioni di visite internazionali nel Regno Unito, l’86% dei livelli del 2019 e il 18% in più rispetto ai livelli registrati nel 2022. Le previsioni di spesa dei visitatori stranieri nel Regno Unito per quest’anno sono di 29,5 miliardi di sterline, un record di spesa dei visitatori internazionali.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *