enoturismo in toscana, immagine di Elliott Brown su FLickr

Cresce l’interesse verso le destinazioni enoturistiche italiane da parte dei turisti stranieri. E l’Italia vende meglio dei paesi competitor. Sono i risultati principali che emergono da un’inedita indagine realizzata da Risposte Turismo, società di ricerca e consulenza a servizio della macro-industria turistica, la quale analizza i dati riguardanti i wine tourism operator stranieri, che offrono l’Italia tra le proprie proposte enoturistiche. 

La ricerca è stata presentata nell’ambito della quinta edizione del Food and Wine Tourism Forum, il più importante appuntamento in Italia dedicato all’innovazione nel turismo enogastronomico che si svolge nel castello di Grinzane Cavour (Cuneo).  Nel dettaglio, l’approfondimento di Risposte Turismo, che per la prima volta analizza il segmento enoturistico dal punto di vista dei tour operator stranieri, mostra un crescente interesse all’estero sulla destinazione Italia (55% degli intervistati).   Dato confermato dal riscontro relativo alle prenotazioni di wine tour in Italia negli ultimi mesi rispetto ad altri paesi competitor (46% dei tour operator intervistati con solo il 10% a registrare altri Paesi in crescita maggiore rispetto all’Italia).  

Tra i riscontri che arrivano dal panel di operatori intervistati, il maggiore accordo (85%) si riscontra sulla crescente propensione a spendere di più per questo genere di viaggi ed esperienze, a sottolineare così l’importanza di questo segmento turistico e le sue implicazioni di spesa e attivazione economica sui territori italiani.  La Toscana, in particolare, risulta essere in testa alla classifica delle preferenze generali dei turisti stranieri con il 53% dei voti, davanti al Piemonte (29%), al primo posto per i wine expert, e alla coppia Sicilia e Veneto (5% ciascuna).  La Toscana è risultata capofila anche nelle classifiche dedicate all’esclusività delle destinazioni enoturistiche (39% delle preferenze) e per il rapporto qualità – prezzo (24%). 

Tra le destinazioni – che stanno alimentando l’interesse degli operatori – spicca la Sicilia, seguita da Piemonte e Puglia.  La nuova indagine di Risposte Turismo ha inoltre evidenziato i volumi di questo specifico segmento turistico in Italia: un quarto degli operatori intervistati è già tornato ai livelli pre-pandemici del 2019 quanto a tour venduti, e un ulteriore 55% stima di arrivarci entro il prossimo anno. 

L’indagine ha evidenziato inoltre alcune aree di miglioramento nel sistema enoturistico italiano. Il 37% dei tour operator interpellati evidenzia una mancanza di coordinamento tra i player dell’offerta, mentre il 29% del campione considera che i servizi e le attività proposte dalle cantine siano troppo limitati. Altra area di miglioramento è stata infine individuata dai rispondenti nella presenza, ancora debole, sul web e nell’assenza di servizi online dedicati al turista (disponibilità, prenotazioni, e-shop). 

«Accanto alla crescita dell’interesse verso le destinazioni enoturistiche italiane, l’ascolto degli operatori stranieri evidenzia aspetti determinanti per continuare a migliorare la competitività in Italia di questo particolare segmento, nonostante in questo periodo stia già performando meglio dei Paesi competitor» ha dichiarato Anthony La Salandra, Direttore di Risposte Turismo.  
«Con la Toscana a confermarsi best wine destination – ha proseguito La Salandra – dall’approfondimento spiccano aree che stanno accendendo nuovo o maggiore interesse dei tour operator e della loro clientela: Sicilia su tutti i mercati, Piemonte soprattutto per gli europei e Puglia per gli americani, seguite da Friuli-Venezia Giulia e Veneto. Un aspetto interessante, infine, è quello della prevalenza di tour e proposte che coinvolgono più di una regione italiana a sottolineare l’importanza della collaborazione nello sviluppo di prodotti enoturistici che escano dai confini della singola regione, con tutte le implicazioni e necessità di collaborazione strategica che questo comporta».  

Francesco di Cesare, Presidente di Risposte Turismo ha aggiunto: «Con questa nuova indagine sull’enoturismo in Italia Risposte Turismo ha voluto mettere a disposizione degli operatori ed enti italiani una prospettiva inedita e tecnica di chi propone ai turisti stranieri l’offerta italiana di enoturismo. Si tratta di un percorso di ascolto e dialogo con i tour operator specializzati che proseguirà andando ad indagare prossimamente anche nuovi aspetti».

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *