vulcano islanda

L’Islanda nei giorni scorsi ha dichiarato lo stato di emergenza: la continua attività sismica indica un crescente rischio di eruzione vulcanica in Islanda, vicino a Grindavík. La città è stata evacuata dopo un sisma di magnitudo 4.8 e crescenti segnali provenienti dal vulcano Fagradalsfjall. Secondo i meteorologi di AccuWeather questo potrebbe avere impatti sui viaggi aerei nelle prossime settimane.
Il Capo Meteorologo di AccuWeather, Jonathan Porter, ha dichiarato: “Molti ricorderanno l’eruzione del vulcano Eyjafjallajökull in Islanda nel 2010, che causò il caos nei viaggi per settimane. Il vulcano produsse un’enorme colonna di cenere vulcanica sollevata in alto nell’atmosfera, che si disperse su parti del continente europeo. La cenere vulcanica, se assorbita in quantità sufficienti, può causare il guasto dei motori a reazione – una seria minaccia per gli aerei. Di conseguenza, durante l’eruzione del 2010, mentre la nube di cenere si diffondeva, le autorità civili dell’aviazione in vari paesi chiusero il traffico aereo, lasciando molti viaggiatori europei e non solo bloccati per settimane senza possibilità di volare.”

Tuttavia, Porter ha detto che la posizione e le caratteristiche del vulcano Eyjafjallajökull del 2010 e l’attuale vulcano vicino a Grindavík fanno pensare che l’impatto sui viaggi aerei questa volta non sarà così grave. “Il vulcano Eyjafjallajökull si trova ad alta quota – più di 5.500 piedi – ed è essenzialmente coperto da un ghiacciaio.” Come sottolineato dagli esperti di vulcani, quando questo vulcano è eruttato nel 2010, la nube di cenere è diventata più esplosiva perché la lava fusa interagiva con il ghiaccio che si scioglieva. Porter ha detto: “Il vulcano vicino a Grindavík non è avvolto in un ghiacciaio, ma se dovesse eruttare, potrebbe comunque introdurre colonne di cenere vulcanica nell’atmosfera, che possono viaggiare sui venti di alta quota.”

I meteorologi di AccuWeather affermano che i venti di alta quota sopra l’Islanda fino a venerdì saranno principalmente da est a sud-est verso la Groenlandia. Durante il fine settimana, si prevede che una tempesta rimanga a sud dell’Islanda mentre si sposta verso l’Europa occidentale. Ciò cambierà i venti di alta quota da ovest-nord-ovest verso Scandinavia, Irlanda e Regno Unito, un modello che dovrebbe continuare nella prima metà della prossima settimana.

Porter ha concluso: “Basandoci sulle nostre informazioni preliminari, le persone che viaggiano da e per l’Europa nelle prossime settimane, specialmente durante la festa del Ringraziamento negli Stati Uniti, dovrebbero monitorare da vicino gli sviluppi in Islanda. Anche se non sembra che questo vulcano avrà un impatto così importante sui viaggi aerei in Europa come abbiamo visto nel 2010, qualsiasi cenere vulcanica immessa nell’atmosfera può comportare la chiusura di parti dello spazio aereo. Anche piccole differenze nei dettagli di un’eruzione vulcanica e nel conseguente flusso di lava possono portare a significativi cambiamenti negli impatti ambientali, quindi i viaggiatori dovranno stare attenti a un potenziale susseguirsi di cancellazioni e ritardi dei voli.”

*immagine di copertina generata con Dall-E 3 e il prompt “An illustration depicting the potential impacts of a volcanic eruption near Grindavík, Iceland on air travel. The scene includes a large, active volcano in the background, emitting a plume of ash into the sky. In the foreground, there are grounded airplanes at an airport, with visible signs of disruption and delay. The atmosphere is tense and dramatic, with dark clouds and ash spreading across the sky, hinting at the chaos caused by the eruption. The setting is a mix of natural landscape and airport infrastructure, capturing the intersection of nature’s force and human travel, in a wide 16:9 aspect ratio”.

Autore

  • Domenico Palladino

    Domenico Palladino è editore, consulente marketing e formatore nei settori del travel, della ristorazione e degli eventi. Dal 2019 è direttore editoriale di qualitytravel.it, web magazine trade della travel & event industry. Gestisce inoltre i progetti editoriali di extralberghiero.it, dedicato agli operatori degli affitti brevi e cicloturismo360.it, per gli amanti del turismo su due ruote. Ha pubblicato per Hoepli il manuale "Digital Marketing Extra Alberghiero". Laureato in economia aziendale in Bocconi, indirizzo web marketing, giornalista dal 2001, ha oltre 15 anni di esperienza nel travel. Dal 2009 al 2015 è stato web project manager del magazine TTG Italia e delle fiere del gruppo. Dal 2015 al 2019 è stato direttore editoriale di webitmag.it, online magazine di Fiera Milano Media dedicato a turismo e tecnologia.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *