Oggi Air France e Gesac festeggiano il 60mo anniversario del volo Napoli-Parigi. La storia di Air France a Napoli comincia nell’aprile del 1963, quando la compagnia aerea francese ha iniziato ad operare la rotta con aerei “Caravelle”.
“Siamo orgogliosi di servire Napoli da ben 60 anni” ha affermato Eléonore Tramus, Direttore Generale Air France-KLM East Mediterranean. “Napoli è sempre stata storicamente una tappa essenziale delle rotte dalla Francia e tuttora rappresenta una destinazione importante del nostro network. Per Air France l’Italia è, escludendo il mercato interno francese, il secondo mercato in Europa e la Regione Campania resta un’area strategica della nostra presenza nel Belpaese. Attaverso il nostro hub di Parigi-CDG permettiamo ai napoletani di raggiungere ben 127 destinazioni in Europa e nel mondo”.

“Festeggiamo con entusiasmo i primi 60 anni di Air France a Napoli, vettore storico che ha da sempre avvicinato Napoli alla Ville Lumière e al resto del mondo, grazie alla rete di collegamenti offerti dall’hub di Parigi Charles De Gaulle, tra i primi tre scali europei per traffico passeggeri e secondo maggiore hub collegato con Napoli per numero di posti offerti. Commenta Roberto Barbieri, Amministratore Delegato di GESAC. Negli ultimi 10 anni Air France ha più che raddoppiato il numero di voli per Parigi che quest’estate arriverà a 3 al giorno, con incremento a 4 in periodi di maggior domanda di traffico, a conferma della solida partnership fondata sui comuni obiettivi di qualità del servizio e puntualità dei voli”.

Breve storia del trasporto francese e di Air France a Napoli

Napoli è sempre stata uno scalo importante per gli sviluppi di quella che diventerà la linea Noguès di Air Orient e poi di Air France, in collegamento tra la Francia e l’Indocina. La prima visita risale agli anni ’20 e ’30. Era importante trovare un luogo dove gli idrovolanti potessero ammarare in luogo abbastanza protetto e in sicurezza: la baia di Napoli diventa quindi una tappa naturale sulla rotta verso l’Oriente. Il primo ammaraggio programmato avviene nel 1927 in occasione di un viaggio studio efftuato nel periodo 8 settembre-8 ottobre da Parigi e Beyrut, occorrevano solo tre giorni e mezzo per completare il viaggio in quei tempi. L’apparecchio è un idrovolante guidato da Maurice Noguès.

Il 6 giugno 1929, Air Union- Lignes d’Orient opera un volo settimanale Marsiglia-Beirut con scalo a Napoli (partenza da Marsiglia il sabato alle 7.30 e arrivo a Beirut il lunedì alle 16.30).
L’8 giugno 1929 Air Union- Lignes d’Orient apre un servizio regolare per Baghdad (idrovolante Cams 53) con scalo a Napoli.
Il 17 gennaio 1931 viene inaugurato il primo servizio passeggeri Air Orient tra Marsiglia e Saigon con scalo a Napoli con frequenza bi-settimanale, il viaggio dura 10 giorni e mezzo.
Il 1° giugno 1933 Air France riattiva la rotta Noguès-Marsiglia-Saigon con scalo a Napoli, con frequenza settimanale.
Nel settembre 1938 viene inaugurata una rotta Marsiglia/Napoli/Corfù/Atene/Tripoli, chiamata “Ligne du Levant”.
Nel settembre 1939, con lo scoppio della seconda guerra mondiale tutte le attività vengono sospese.
I primi collegamenti di Air France per i passeggeri in Italia iniziano nel 1934 ma il trasporto aereo francese, come abbiamo visto, quindi è presente in Italia sin dal 1929 sotto il marchio Air Union-Ligne d’Orient. Questa compagnia collegava Napoli a Marsiglia con idrovolanti CAMS53 che ammaravano a Napoli per trasportare una decina di passeggeri stravaganti che sceglievano questo mezzo di trasporto non per necessità ma per passare nella cronaca mondana dei VIP dell’epoca.

I tempi moderni

Con la ripresa del traffico aereo passeggeri dopo la fine della seconda guerra mondiale, il volo Napoli-Parigi viene inaugurato da Air France il 13 aprile 1963. La città veniva raggiunta con gli aerei “Caravelle” di Air France, con 2 voli settimanali.
Oggi i collegamenti settimanali di Air France da Napoli a Parigi arrivano fino ad un numero di 23 voli diretti settimanali.
I voli sono operati principalmente con Airbus A320 e A321 che offrono le cabine Business ed Economy.

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *