Video brevi, influencer professionisti, racconti di esperienze autentiche e luoghi poco conosciuti, per dare vita a un servizio verticale che ti accompagna in tutte le fasi di organizzazione di un viaggio. E’ il format della startup innovativa Blinkoo che sta realizzando un nuovo social per i viaggiatori e che in questi giorni ha lanciato il crowdfunding sulla piattaforma BacktoWork, andando subito oltre l’obiettivo minimo di 750mila euro. La raccolta proseguirà per 45 giorni e ora si punta a raggiungere l’ambizioso obiettivo di 2.300.000 euro.

Blinkoo è un’app che mette insieme influencer, content creator professionisti e viaggiatori per raccontare luoghi ed esperienze da vivere, dietro casa o dall’altra parte del mondo, attraverso video brevi e meticolosamente categorizzati, navigabili attraverso un sistema innovativo mai implementato prima su alcuna altra app. Una sorta di fusione tra la durata breve dei video di TikTok, l’intrattenimento di Instagram e YouTube e, infine, le informazioni migliori che puoi trovare su Tripadvisor o TheFork.

“Blinkoo nasce dalla volontà di semplificare il processo decisionale che le persone compiono online per organizzare un viaggio o per scoprire nuove esperienze da vivere e attività da fare, vicino casa o dall’altra parte del mondo. Il percorso che porta una persona a scegliere una meta e prenotare un viaggio, il travel customer journey, può essere molto lungo, non lineare, frammentato e caotico – spiega Smeraldo Meminaj, fondatore della startup – Manca un modo coerente e organizzato per ispirarsi sulle destinazioni e su quello che offrono. In media un utente online naviga tra circa 34 siti e piattaforme diverse alla ricerca di ispirazione e di informazioni utili all’organizzazione di un viaggio, passando dai grandi social media come Instagram, YouTube e TikTok a piccoli siti di istituzioni locali. Le informazioni trovate cercando online sono frammentarie e parziali, a volte contraddittorie e non sempre attendibili. Blinkoo aggiunge valore a tutti e tre gli attori principali coinvolti nel processo: viaggiatori e appassionati; influencer e content creator professionisti; operatori turistici”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *