Sostenibilità, autenticità e legame con il territorio. Sono questi i driver che, alla vigilia della stagione estiva, guidano la ripartenza del settore, che sembra finalmente ritrovare il vigore dei tempi pre-pandemici e mette in luce le nuove tendenze dei turisti, specialmente i più giovani, interessati a un concetto di vacanza attento all’ambiente e capace di prediligere attività di valorizzazione e tutela del territorio.
A dipingere questo quadro è 181travel, giovane operatore turistico di Cagliari specializzato nel turismo esperienziale, che si prepara a consolidare ulteriormente la sua presenza nello Stivale e, in particolare, nel Sud Italia, cuore pulsante del turismo locale nonché culla di culture, tradizioni culinarie, ricchezze naturali e storia.
Stando ai dati di Euromonitor riferiti al 2022, sono sempre di più gli italiani a prediligere vacanze local e sostenibili: l’81% dichiara di fare viaggi green e il 71% ne ammette la volontà, con un aumento del 10% rispetto al 2021. Conferma questo trend anche l’operatore sardo, secondo cui il 33% dei turisti italiani ha scelto per il 2023 di viaggiare al di fuori dell’alta stagione, prolungando di conseguenza la pausa estiva fino al termine di ottobre, il 41% ha optato per alloggi sostenibili e il 70% ha preferito attività outdoor e a contatto con la natura durante il proprio soggiorno. Infine, sulla stessa scia, 181travel sottolinea come il 33% dei turisti abbia prediletto esperienze a livello locale.
Questi numeri sono evidenze di una ripresa che, oltre a iniettare una sostanziosa dose di fiducia in uno dei settori più afflitti dalle crisi dei recenti anni, disegna i parametri di un turismo rinnovato, sempre più votato all’etica e alla responsabilità, e posizionano 181travel come realtà innovativa e al passo coi tempi, sempre pronta a cogliere le sfide contemporanee.

Dopo il recente round da 2,5 milioni di euro, 181travel ha ampliato il parterre di destinazioni e prodotti con l’obiettivo di diventare punto di riferimento per i servizi in destinazione e l’incoming in Sardegna e in Calabria – anche grazie alla recente acquisizione di Discovering PreSila – e nel Sud Italia. Nel biennio 2021-2022 ha gestito oltre 40 mila ospiti, con un fatturato superiore ai 3 milioni di euro, e conta oggi più di 20 dipendenti nell’headquarter di Cagliari.

Un modello di turismo esperienziale e attento ai temi dell’attualità: ambiente e lavoro in primis

Sulla base dei dati raccolti, 181travel ha previsto per i suoi clienti un servizio “chiavi in mano”, comprensivo di distribuzione di escursioni, accoglienza e attività locali, con lo scopo di confezionare un prodotto turistico che sappia avvicinare l’ospite al territorio, trasmettere le peculiarità e le ricchezze culturali e naturali e dare corpo a una nuova visione del turismo, più autentico che industriale, affine alle necessità di un consumatore giovane e attento a tematiche ambientali ed etiche.

“Le nostre attività locali prediligono l’esplorazione dell’identità autentica del territorio e la preferenza, specie nel periodo estivo, ricade su esperienze in mare: ad esempio, la nostra barca a vela esclusiva propone diverse opzioni di uscita per gli ospiti, tra cui l’aperitivo al tramonto, sempre tra le più gettonate. Non manca poi l’interesse per i tour enogastronomici, le cooking class e i wine tasting, ma anche il pranzo con i pastori e i balli tipici del luogo”, spiega Marco Deiosso, CEO e fondatore. La valorizzazione del territorio e dei talenti rientra anche negli obiettivi del recente flusso di investimenti della realtà, che ha reclutato ben 40 Tour Expert, formati nell’Academy interna per poi essere inseriti in organico. Le forti connessioni con i territori, inoltre, hanno permesso a 181travel di ampliarsi sul segmento della tipicità dei prodotti e, contestualmente, di crescere come incoming Tour Operator, predisponendo itinerari insoliti e pacchetti vacanza esperienziali, tematici e connessi alle destinazioni, soprattutto in Sardegna e Calabria: come ad esempio tour nella natura, escursioni nell’entroterra con itinerari culturali e archeologici, ma anche cammini spirituali e percorsi nei luoghi sacri della regione.

Per 181travel, attenzione al territorio significa anche sostenibilità, tema sempre più centrale nelle agende di operatori e istituzioni, ma anche delle ultime generazioni, che tendono a prediligere destinazioni e strutture sensibili a questo aspetto. Sono diverse le proposte escursionistiche a contatto con la natura e spaziano dai trekking nella Valle della Luna alle passeggiate a cavallo sulla spiaggia, e ancora dall’esplorazione del canyon di Valli Cupe al percorso nella grotta Rosa in Calabria, un luogo ancora inesplorato e dove a regnare sovrana resta la natura. Green sono anche le strutture che 181travel propone ai propri ospiti, come le sistemazioni in legno, i rural retreats e le tende per il glamping.

“Oggi abbiamo la fortuna di poter accogliere un viaggiatore più consapevole, che apprezza maggiormente autenticità, sostenibilità ed eco-compatibilità. Prima questi erano concetti doverosi, oggi diventano criteri di scelta, il valore imprescindibile per gli ospiti della nostra terra – conclude Deiosso – Un altro punto su cui riteniamo che tutti, noi per primi, dovremmo lavorare, è riconsiderare il concetto di bassa stagione, che andrebbe intesa e sfruttata come un periodo per ripensare le attività nella fase di preparazione degli arrivi della media e dell’alta stagione, ma anche per formare il personale in vista delle aperture estive. Prima di occuparci di incrementare i flussi, pensiamo alle basi dell’ospitalità e dell’accoglienza: abbiamo il privilegio di operare in destinazioni stupende per i turisti di tutto il mondo, l’invito è quello di proporre soluzioni capaci di cogliere le sfide per poter garantire un’esperienza ricca di contenuto e vicina a certi princìpi”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *