vulcano-islandese-foto

Come preannunciato circa un mese fa, è partita l’eruzione vulcanica in Islanda del vulcano Fagradalsfjall vicino a Grindavik: la città era stata evacuata nelle settimane scorse dopo un terremoto di magnitudo 4,8. I meteorologi di AccuWeather stanno monitorando attentamente la situazione e affermano che potrebbero esserci impatti sull’aviazione se una nuvola di cenere vulcanica venisse sollevata nell’atmosfera. Secondo i rapporti preliminari provenienti dall’Islanda, non è però stata ancora osservata una tale nuvola, ma la situazione continua a evolversi, dato che l’eruzione è iniziata da poche ore, alle 3 del 19 dicembre, come testimonia il seguente video di Open

Se le eruzioni in corso dovessero risultare in una nuvola di cenere vulcanica, i meteorologi di AccuWeather hanno esaminato attentamente i venti a vari livelli dell’atmosfera per fornire informazioni su dove potrebbe essere diretta qualsiasi cenere sollevata. I venti nella parte inferiore e media dell’atmosfera potrebbero indirizzare qualsiasi cenere, ben al di sopra del suolo, verso il corridoio dalla Germania settentrionale, Danimarca, Finlandia, Norvegia, Polonia e Bielorussia a nord-est verso la Russia da mercoledì a venerdì. Nei prossimi giorni, si prevede che qualsiasi cenere rimanga a molte migliaia di piedi sopra il suolo, ma se una concentrazione di cenere dovesse persistere fino alla prossima settimana, le correnti di vento nell’atmosfera potrebbero indirizzare la cenere vulcanica più vicino al suolo, forse nella Russia settentrionale.

Il Capo Meteorologo di AccuWeather, Jon Porter, ha dichiarato: “Anche se non sembra che questo vulcano, in base alle informazioni preliminari, sia probabile che abbia un impatto maggiore sul traffico aereo per ora, qualsiasi nuvola di cenere vulcanica inviata nell’atmosfera può causare la riconfigurazione o addirittura la chiusura di porzioni di spazio aereo, risultando in cancellazioni o ritardi dei voli. Se poca o nessuna cenere vulcanica viene sollevata nell’atmosfera, potrebbe non esserci alcun impatto sull’aviazione, il che sarebbe certamente un regalo per i viaggiatori delle vacanze. Le persone che viaggiano da e per l’Europa nei prossimi giorni, specialmente intorno alla trafficata festività natalizia, dovrebbero monitorare da vicino gli sviluppi in corso relativi al vulcano islandese.”

I meteorologi di AccuWeather continuano a sottolineare che questa eruzione appare molto diversa in termini di posizione e caratteristiche rispetto all’eruzione del vulcano Eyjafjallajökull nel 2010. Di conseguenza, non ci si aspetta che l’eruzione dell’attuale vulcano vicino a Grindavík produca l’impatto grave sul traffico aereo visto in quel momento. Quel vulcano produsse un grande pennacchio di cenere vulcanica sollevato in alto nell’atmosfera, disperdendosi su una parte significativa del continente europeo e causando caos nei viaggi per settimane.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:
Un pensiero su “Islanda, iniziata l’eruzione del vulcano vicino Grindavik: i rischi per il turismo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *