Fase 2 Covid 19: autocertificazione pdf, scarica l’ultima versione del nuovo modulo

modulo autodichiarazione coronavirus covid-19

Aggiornamento 03/06: Dal 3 giugno 2020 non è più necessaria l’autocertificazione per spostarsi tra regioni italiane anche se alcune di queste richiedono la compilazione di un modulo di autosegnalazione per chi arriva.

Se stai cercando il modulo di autosegnalazione dei turisti per gli arrivi in Sardegna segui questo link

Se stai cercando il modulo di autosegnalazione dei turisti per gli arrivi in Puglia segui questo link

Se stai cercando il questionario di autosegnalazione per gli arrivi in Calabria vai a questo link

Se invece stai cercando l’autocertificazione per gli spostamenti nella fase 3 da e verso l’estero clicca su questo link

E’ disponibile in questa pagina il nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti aggiornato con i nuovi riferimenti di legge che vanno in vigore il 4 maggio e le nuove possibilità di spostamento (all’interno della Regione e con possibilità di far visita ai proprio congiunti). Dato che non varia molto rispetto al modello precedente sappiate che, se avete stampato un certo numero di copie, potrete ancora utilizzare la precedente versione del modulo di autodichiarazione per gli spostamenti del 26 marzo, semplicemente barrando le parole “all’interno dello stesso comune” se ci si sposta in ambito regionale e la parola “urgente“. prima di “assistenza a congiunti” se si fa visita a persone con cui si ha un affetto stabile.

Il modello va scaricato in pdf, stampato e compilato da parte di chi viaggia per lavoro, per ragioni di salute, per far visita ai congiunti o per altre situazioni di necessità e urgenza, unici motivi validi per effettuare spostamenti durante la pandemia del coronavirus SARS-CoV-19 all’interno della stessa Regione. Si potrà invece uscire dalla Regione solo per necessità di lavoro, di salute o di assoluta urgenza. Presentare l’autodichiarazione alle autorità preposte è obbligatorio in attuazione dei DPCM del 9 marzo 2020 e successivi (11 marzo, 22 marzo, 25 marzo e 26 aprile) che, allo scopo di contenere l’epidemia del coronavirus covid-19, hanno esteso il divieto di mobilità (e la zona arancione/rossa) a tutto il territorio nazionale, vietando tutti gli spostamenti non necessari, se non per motivi di lavoro, di salute, di necessità o visita a congiunti (per spostamenti all’interno della stessa regione).

Potete scaricare al seguente link il nuovo modello di autocertificazione in pdf, da mostrare in caso di controlli a campione, per giustificare il proprio spostamento e dimostrare il proprio permesso di circolazione. Nella nuova versione è anche necessario dichiarare di non essere sottoposti a misure di quarantena e di non essere risultati positivi a covid19. A fine pagina invece trovate sempre la nuove versione del modulo ma in formato modificabile online.

Il modulo può essere sia compilato direttamente in pdf, oppure può essere stampato e compilato a mano, nonché firmato per essere legalmente valido. Va mostrato insieme a un documento d’identità per qualunque spostamento, a piedi, in auto o con i mezzi pubblici. La ratio della legge, volta a ridurre i casi di contagio da coronavirus covid 19, è quella di poter dimostrare che si sta andando (o tornando) dal lavoro, anche eventualmente con altre prove documentali, come un contratto, un tesserino di riconoscimento o una busta paga. In caso di controllo, si dovrà dichiarare la propria necessità lavorativa. Sarà cura poi delle Autorità verificare la veridicità della dichiarazione resa, con l’adozione delle conseguenti sanzioni in caso di false dichiarazioni.

Il modulo di autocertificazione per chi deve spostarsi ricorda infatti anche cosa si rischia in caso di dichiarazione non vera a pubblico ufficiale e fa dichiarare di essere a conoscenza delle sanzioni previste: reclusione da 1 a 3 anni, come da articolo 495 del codice penale, pena che nel caso specifico si andrebbe ad aggiungere al reato sull’inosservanza di un provvedimento dell’autorità (arresto fino a 3 mesi o ammenda fino a 206 euro, art. 650 cp).

Per maggiori informazioni sugli spostamenti consentiti è possibile consultare a questo link le risposte frequenti pubblicate dal Governo e visionare la circolare inviata alle prefetture sulle indicazioni per i controlli sullo misure della fase 2

E se non ho la stampante cosa faccio?

Per chi non può stampare il modulo, qui trovate il modulo pdf del 26 marzo compilabile e salvabile sul proprio smartphone. In caso di controllo saranno poi le autorità a compilare e far firmare un modulo cartaceo con i dati riportati sull’autocertificazione compilata digitalmente. E’ in ogni caso valido anche creare un modulo cartaceo scritto a mano.

Condividi:

25 comments on “Fase 2 Covid 19: autocertificazione pdf, scarica l’ultima versione del nuovo modulo

  1. Antonella

    Lo posso trovare gia stampato da qualche parte il modulo? Forse tabaccai? Grazie

  2. ALKET

    lo scaricato dal sito. e semplice e utile e indispensabile. scusate se mi permetto di dare consigli ma servono regole piu forti e piu estreme visto che dopo tutto quello sta succedendo e nonostante tutto ce gente che se ne frega. non capiscono che i medici e infermieri e protezione civile stanno facendo impossibile e sono i eroi in tutti sensi.e vorrei dirgli un grazie mille un un’abbraccio e che siete l’orgoglio del Italia

  3. carlo

    buongiorno,
    sono carlo da massalombarda ra
    come faccio a sapere che non sono portatore del virus????
    se non si fa un tampone a tutti difficile sapere la verita!!
    mi sposto solo per acquisti di viveri!ie
    graz

  4. ARCANGELO

    ringazio per il lavoro che svolgete , anhe se molti non lo meriterebbero.
    Purtroppo per uno nella mia situazione, si sfiora il dramma,,,,,
    Non ho la stampante funzionante.sono nato con il pennino, il calamaio e
    l’inchiostro, ho oltre 75 anni e tutto cio’ che ho potuto fare è su questo foglio
    è presente.
    Per cortesia evitate di far soggiornare a lungo un’altro virus.
    GRAZIE ANCORA DIO VI AIUTI.

  5. gianni

    quando si potrà scaricare la nuova autocertificazione aggiornata al 26/03/2020 ?

  6. Fabio

    Con questi moduli uno ogni due giorni stiamo diventando la barzelletta dell’Europa

  7. Michele

    Buonasera, sulla nuova certificazione dobbiamo dichiarare che non siamo positivi, c’è anche chi è asintomatico quindi se non ci viene effettuato il tampone come facciamo a saperlo, è come dichiarare il falso, a questo punto si rischia la penale, chi si prende questa responsabilità? Grazie

  8. Domenico Palladino Post author

    Vorrei sfatare questo punto: sul modulo non si dichiara di non essere positivi. Si dichiara di non essere “risultati positivi” e quindi di non essere in una condizione per la quale non si ha l’autorizzazione a uscire. La differenza è sostanziale: risultato positivo è chi ha fatto il tampone e ha avuto la conferma della presenza di covid-19. Chi ha fatto il test ed è negativo, non è mai risultato positivo. Ma anche chi non è mai stato sottoposto al tampone non è mai risultato positivo. La dichiarazione non riguarda la positività in sé ma la sua ufficializzazione tramite un test e il conseguente divieto a uscire di casa.

  9. alessandro rapetti

    sono stufo di stampare nuovi moduli, e fare la figura di Italiano guidato da una classe politica che non sa cosa deve fare, quindi si diverte a fare modifiche ai certificati per passare il tempo e evitare di fare programmi INTELLIGENTI per noi poveri ITALIANI. Mi vergogno di essere Italiano e pagare fiori di tasse per MANTENERE quelle persone INUTILI:

  10. Angelo Mariano De Grazia

    Non per essere precisino, ma in quale parte va indacata l’uscita per spesa alimentare?? come al solito i modelli italiani necessitano di manuale esplicativo!!!!

  11. Luciano

    Un grazie a tutti quelli che sono in prima linea, dai dottori agli infermieri alla protezione civile a tutti i volontari ai militari a tutte le persone che si dedicano con molto sacrificio a tutto questo cataclisma.
    Grazie Grazie un abbraccio di cuore a tutti. E che la politica impari da questo ad essere meno rissosa e collaborativa sempre, non solo nelle emergenze come questa!

  12. ERNESTO

    SONO RESIDENTE IN UN COMUNE FUORI PALERMO MA DOMICILIATO DOMICILIATO A PALERMO. IN QUELLA RESIDENZA TENGO ANIMALI DOMESTICI. VORREI SAPERE COME FARE PER NON FAR MORIRE DI FAME QUESTI ANIMALI?

  13. Giuliano

    Buongiorno
    è obbligatorio avere l’autocertificazione a portata di mano oppure sono le forze dell’ordine che mi fermano ad avere la documentazione che poi compilerò con loro. Grazie
    Saluti Giuliano

  14. Antonio

    Mi trovo per esigenza da mia figlia ad APRILIA (LT) come devo fare per tornare nella mia residenza e domicilio in provincia di NAPOLI?

  15. Mario

    Ma come si fa !!!!! Da giorni ti fanno una testa per la nuova autocertificazione del 4 Maggio, poi ti danno sempre quella del 23 Marzo, sembra che ci prendano per i fondelli, ma dov’è la differenza ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *