Il 28% degli italiani rinuncerà alle vacanze estive, complice i timori connessi alla pandemia e il difficile scenario economico. Tra i vacanzieri il 70% preferirà mete nazionali e 3 su 10 sono pronti a utilizzare un’auto a noleggio.
I dati emergono da un’analisi condotta da ANIASA (l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità) con la società di consulenza Bain & Company *.

Quella appena iniziata sarà un’estate particolare, la prima dall’inizio della pandemia, la prima in cui andranno rispettate le regole del distanziamento sociale, la prima in cui si prevede una drastica contrazione degli arrivi dall’estero. Con il crescere della diffidenza verso i sistemi di mobilità collettiva, a causa del possibile rischio contagio, l’auto si avvia ad essere il principale strumento di mobilità.
Dopo il blocco determinato dal lockdown a marzo/aprile e una prima parziale ripresa nei mesi di maggio e giugno, in queste settimane (solitamente di picco per il business del rent-a-car) il settore sta registrando una contrazione di oltre il 50% dei noleggi.

“L’emergenza sanitaria ha inciso drammaticamente sulla domanda turistica nel nostro Paese e quindi sulle richieste di noleggio, praticamente azzerate nei mesi di marzo, aprile e maggio” – osserva Massimiliano Archiapatti, Presidente ANIASA – “Nelle prossime settimane ci aspettiamo che, complice gli arrivi a singhiozzo di turisti stranieri, saranno soprattutto gli italiani a noleggiare vetture. Ancora di più in questa fase di ripartenza e di difficoltà economiche per molte famiglie, il noleggio costituisce la modalità più efficiente, sicura ed economica per raggiungere le proprie mete di vacanze, spesso in zone remote e meno affollate, ma non per questo meno ricche di storia e cultura del nostro Paese. Seguendo poche indicazioni si può vivere al meglio l’esperienza, risparmiando e scegliendo il servizio più adatto alle proprie vacanze di divertimento e relax”.

Condividi: